<!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/TR/xhtml1/DTD/xhtml1-transitional.dtd"> <html xmlns="http://www.w3.org/1999/xhtml"> <head> <meta http-equiv="Content-Type" content="text/html; charset=iso-8859-1" /> <title>Radio Vaticana - Radiogiornale</title> <style type="text/css"> <!-- body { font-family: Georgia, "Times New Roman", Times, serif; font-size: small; color: #033e6c; padding: 0; margin: 0; background-color: #f2f5f8; } a:link, #mainPage a:visited, a:active { font-weight: bold; text-decoration: underline; color: #00adef; } a:hover { text-decoration: none; color: #033e6c; } table, p { margin: 0; padding: 0; } ul { margin: 0 10pt 0 20pt; } li { padding: 0 0 5pt 0; margin: 0; } div.mainPage { margin: 10pt; background-color: #ffffff; padding: 10pt; } p.sommario { font-size: medium; font-weight: bold; margin: 0; color: #ffffff; background-color: #033e6c; vertical-align: middle; text-align: center; padding: 2pt; } p.item { font-size: medium; margin: 0; padding: 5pt 0 10pt 5pt; } p.titNot { font-size: medium; font-weight: bold; margin: 0; color: #ffffff; background-color: #426e91; vertical-align: middle; text-align: center; padding: 2pt; } p.titolettoNot { margin: 5pt; padding: 5pt; font-weight: bold; background-color: #b3c5d3; text-align: justify; } p.corpoNot { padding: 10pt; text-align: justify; line-height: 1.5; } #sepmini { width: 50%; height: 1px; background-color: #b3c5d3; padding: 0; margin: 5pt 0 5pt 0; } #sep { width: 100%; height: 2px; background-color: #b3c5d3; padding: 0; margin: 10pt 0 10pt 0; } #vaisopra { background-color: #ffffff; padding: 4pt; margin: 10pt 0 10pt 0; text-align: right; } p.spazio { height: 30pt; } #footer { font-size: x-small; height: 17px; margin: 0; color: #ffffff; background-color: #033e6c; vertical-align: middle; } .copy { color: #ffffff; background-color: #033e6c; padding: 1pt 5pt 0 5pt; } br { line-height: 15pt; } --> </style> </head> <body> <div class="mainPage" id="mainPage"> <table width="100%" cellspacing="0" bgcolor="#FFFFFF"><tr><td align="left"><img src="images/logo_50.gif" alt="Logo 50" /></td><td align="right"><a name="sopra"><img src="images/header_rg.gif" alt="Radiogiornale Radio Vaticana" border="0" /></a></td> </tr></table> <a href="mailto:sicsegre@vatiradio.va"><img src="images/redazione.gif" alt="Redazione +390669883674 | +390669883998 | e-mail: sicsegre@vatiradio.va" border="0" /></a><br /> <br /> <p class="sommario">Sommario del&nbsp;27/11/2010</p> <p class="item"><a href="#gr1">Il Papa e la Santa Sede</a></p> <li><a href="#Art_442506" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il Papa al nuovo ambasciatore del Giappone: le nazioni spendano non per le armi ma per lo sviluppo<BR></a></li> <li><a href="#Art_442509" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">I Primi Vespri d'Avvento e la Veglia per la vita nascente presieduti dal Papa in San Pietro. Intervista con il cardinale Antonelli<BR></a></li> <li><a href="#Art_442576" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Altre udienze e nomine<BR></a></li> <li><a href="#Art_442571" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il cardinale Grocholewski rappresenter&agrave; il Papa alle celebrazioni per i 400 anni della Pontificia Universit&agrave; &quot;Santo Tomas&quot; di Manila<BR></a></li> <li><a href="#Art_442587" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il Papa crea la nuova diocesi di Bunda in Tanzania<BR></a></li> <li><a href="#Art_442433" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Padre Lombardi sul libro-intervista del Papa: un servizio originale che risponde a molte domande sull'attualit&agrave;<BR></a></li> <li><a href="#Art_442561" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">La Segreteria generale del Sinodo dei vescovi: migliori condizioni ad Haiti se gli aiuti fossero coordinati meglio<BR></a></li> <li><a href="#Art_442502" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Un libro fotografico documenta l'impegno del Vaticano nel campo delle energie rinnovabili. La presentazione il primo dicembre ai Musei Vaticani<BR></a></li> <li><a href="#Art_442562" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Oggi su &quot;L'Osservatore Romano&quot;<BR></a></li> <div id="sepmini"></div> <p class="item"><a href="#gr2">Oggi in Primo Piano</a></p> <li><a href="#Art_442491" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Arresti per il massacro nella Cattedrale di Baghdad. Mario Mauro: no a un &quot;ghetto cristiano&quot;<BR></a></li> <li><a href="#Art_442507" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">A Fiesole Convegno di Pax Christi sul dramma quotidiano nei Territori palestinesi<BR></a></li> <li><a href="#Art_442541" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il cardinale Ravasi sull'evoluzione biologica: primitiva e superata la divisione tra evoluzionismo e creazionismo<BR></a></li> <li><a href="#Art_442543" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il Convegno di Scienza e Vita a 10 anni dal sequenziamento del genoma umano<BR></a></li> <li><a href="#Art_442514" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">In Italia, la Giornata della Colletta alimentare: pi&ugrave; di 8 mila supermercati per unire spesa e solidariet&agrave;<BR></a></li> <li><a href="#Art_442442" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il commento di padre Bruno Secondin al Vangelo della prima Domenica di Avvento<BR></a></li> <div id="sepmini"></div> <p class="item"><a href="#gr3">Chiesa e Societ</a></p> <li><a href="#Art_442510" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Liberato in Pakistan un cristiano condannato a 25 anni di carcere per blasfemia<BR></a></li> <li><a href="#Art_442422" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Pakistan: approda in parlamento la proposta di revisione della Legge sulla blasfemia<BR></a></li> <li><a href="#Art_442458" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Shazia Bashir, la ragazza pakistana cristiana violentata e uccisa, non avr&agrave; giustizia<BR></a></li> <li><a href="#Art_442464" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">India: i cristiani di Orissa stanno perdendo la fiducia nella giustizia<BR></a></li> <li><a href="#Art_442423" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Iraq: appello dei vescovi caldei contro le violenze nel Paese<BR></a></li> <li><a href="#Art_442443" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">I vescovi europei preoccupati per &ldquo;le crescenti tendenze populiste&rdquo;<BR></a></li> <li><a href="#Art_442479" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Crisi finanziaria in Irlanda: appello alla solidariet&agrave; dall&rsquo;arcivescovo di Dublino<BR></a></li> <li><a href="#Art_442424" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Le iniziative del Coe in occasione della XVI Conferenza sul clima a Cancun<BR></a></li> <li><a href="#Art_442496" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Brasile: appello alla pace dell'arcivescovo di Rio di Janeiro dopo le recenti violenze<BR></a></li> <li><a href="#Art_442503" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Costa Rica: nasce una rete di radio cattoliche per il Centro America<BR></a></li> <li><a href="#Art_442452" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Colombia: la Chiesa assiste oltre un milione di persone colpite dalle piogge torrenziali<BR></a></li> <li><a href="#Art_442474" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Emergenza aiuti in Vietnam per i sopravvissuti alle alluvioni<BR></a></li> <li><a href="#Art_442450" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Egitto: l&rsquo;Universit&agrave; di Al Azhar apre al dialogo con studiosi ebraici<BR></a></li> <li><a href="#Art_442448" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Appello del cardinale Sgreccia per &ldquo;un&rsquo;azione pastorale rivolta alla vita&rdquo;<BR></a></li> <li><a href="#Art_442499" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Il cardinale Scherer invita i laici a contribuire alla costruzione di un mondo pluralista<BR></a></li> <li><a href="#Art_442466" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Vietnam: prosegue l&rsquo;Assemblea generale del popolo di Dio sul ruolo dei cattolici<BR></a></li> <li><a href="#Art_442420" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Le Chiese africane istituiscono un fondo per sostenere la formazione teologica<BR></a></li> <li><a href="#Art_442421" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Camerun: mons. Bakot esorta i giovani a costruire un futuro migliore<BR></a></li> <li><a href="#Art_442477" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Italia: fine settimana di solidariet&agrave; per salvare dall&rsquo;Aids i bambini della Guinea Bissau<BR></a></li> <li><a href="#Art_442462" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Premio Taddei 2010 al regista Fedorchenko per il film &quot;Ovsyanki&quot;, sul confronto con la morte<BR></a></li> <li><a href="#Art_442533" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">70 anni fa nasceva il Programma Lituano della Radio Vaticana<BR></a></li> <div id="sepmini"></div> <p class="item"><a href="#gr4">24 Ore nel Mondo</a></p> <li><a href="#Art_442569" style="text-decoration: none; color: #033e6c; font-weight:normal;">Haiti al voto domani per scegliere il nuovo presidente della Repubblica e rinnovare l&rsquo;assemblea nazionale<BR></a></li> <div id="sep"></div> <p class="titNot"><a name="gr1">Il Papa e la Santa Sede</a></p><br /><br /> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442506"><b>Il Papa al nuovo ambasciatore del Giappone: le nazioni spendano non per le armi ma per lo sviluppo</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Tutte le nazioni impegnino una parte dei soldi stanziati per le armi a favore di progetti per lo sviluppo. E&rsquo; l&rsquo;invito che ha rivolto il Papa a favore della pace mondiale in occasione del discorso all&rsquo;ambasciatore del Giappone, il sig. Ridekazu Yamagucee, che ha presentato stamane le sue Lettere credenziali in Vaticano. Il servizio di <b>Fausta Speranza:</b><u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237250.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>Quest&rsquo;anno ricorre il 65.mo anniversario dei &ldquo;tragici bombardamenti atomici sulle popolazioni di Hiroshima e Nagasaki&rdquo;. Benedetto XVI lo sottolinea affermando come &ldquo;questa tragedia ci ricordi con insistenza quanto sia necessario perseverare negli sforzi a favore della non proliferazione nucleare e per il disarmo&rdquo;. Rivolgendosi al nuovo ambasciatore, il Papa afferma che il Giappone si distingue: &ldquo;Deve essere citato ad esempio &ndash; dice &ndash; per il suo supporto costante alla ricerca di soluzioni politiche che permettano di prevenire la proliferazione di armi nucleari, ma anche di evitare che la guerra sia considerata come una modalit&agrave; di risoluzione dei conflitti tra le nazioni e tra i popoli&rdquo;. Condividendo le preoccupazioni del Giappone in tema di nucleare, &ldquo;la Santa Sede &ndash; ribadisce Benedetto XVI &ndash; incoraggia le nazioni a tessere pazientemente la trama dei legami economici e politici della pace&rdquo;. Quei legami, dice, &ldquo;si elevano a baluardo contro ogni pretesto di ricorso alle armi e permettono di promuovere lo sviluppo umano integrale di tutti i popoli&rdquo;. </i><BR><BR><i>E Benedetto XVI incoraggia ad un&rsquo;azione concreta: cambiare destinazione a parte delle somme dedicate alle armi. Chiede investimenti in &ldquo;progetti per lo sviluppo economico e sociale, per la scolarizzazione e la sanit&agrave;&rdquo;. In particolare oggi &ndash; ricorda il Papa citando l&rsquo;attuale &ldquo;instabilit&agrave; dei mercati e dell&rsquo;occupazione&rdquo; &ndash; &ldquo;la necessit&agrave; di trovare finanziamenti sicuri rimane una preoccupazione costante&rdquo;. </i><BR><BR><i>Del Giappone, il Papa dice che &egrave; &ldquo;un attore importante sulla scena regionale e internazionale&rdquo;. Sottolinea che nel consesso dell&rsquo;Onu &ldquo;ha contribuito in maniera significativa all&rsquo;espansione della pace, della democrazia e dei diritti dell&rsquo;uomo in Estremo Oriente, in particolare nei Paesi in via di sviluppo&rdquo;. Il Papa cita i finanziamenti concreti assicurati da Tokyo ai Paesi in via di sviluppo, ribadendo che rappresentano &ldquo;una pietra fondante per la costruzione di una pace solida e della prosperit&agrave; nel concerto delle nazioni del mondo&rdquo;. </i><BR><BR><i>Il Papa poi ha parole di vivo rallegramento per le relazioni istaurate negli ultimi 60 anni tra Santa Sede e Giappone e per la libert&agrave; della Chiesa cattolica nel Paese. &ldquo;Una libert&agrave; di coscienza e di culto&rdquo;, ma anche &ldquo;libert&agrave; dei membri della Chiesa cattolica di impegnarsi nella cultura e nella societ&agrave; giapponese, giocando un ruolo vivo e attivo nel Giappone contemporaneo&rdquo;. Significa presenza &ldquo;nelle Universit&agrave;, nelle scuole, negli ospedali, nelle istituzioni caritative&rdquo;. Inoltre, Benedetto XVI sottolinea che da tempo i membri della Chiesa cattolica sono impegnati in quello che definisce &ldquo;un dialogo aperto e rispettoso con le altre religioni, in particolare quelle che affondano le loro radici nella nazione&rdquo;. <BR></i><BR>Ricordiamo che il sig. Ridekazu Yamagucee &egrave; nato il 23 dicembre 1948 ed &egrave; sposato. Laureato in Arti Liberali (relazioni internazionali) presso l'Universit&agrave; di Tokyo (1972), &egrave; entrato nella carriera diplomatica. Ha ricoperto diversi importanti incarichi fino a quello svolto dal 2007 fino ad oggi come ambasciatore in Costa Rica.<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442509"><b>I Primi Vespri d'Avvento e la Veglia per la vita nascente presieduti dal Papa in San Pietro. Intervista con il cardinale Antonelli</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Tra poche ore, alle 18, Benedetto XVI presieder&agrave; nella Basilica di San Pietro la celebrazione dei Primi Vespri nella Domenica di Avvento. Questa consuetudine, avviata dal Pontefice per sottolineare l&rsquo;inizio di un nuovo Anno liturgico, si accompagna quest&rsquo;anno alla Veglia di Preghiera per la Vita nascente, promossa dal Pontificio Consiglio per la Famiglia e celebrata oggi in tutta la Chiesa Cattolica. La Veglia segna anche la conclusione del Congresso che il dicastero della Famiglia ha promosso in questi giorni sul tema della famiglia come soggetto attivo di pastorale e annuncio missionario. Un appuntamento che ha visto dare ampio risalto alle testimonianze di vita vissuta di molte famiglie. <b>Fabio Colagrande</b> ha domandato al presidente del dicastero,<b> </b>il <b>cardinale Ennio Antonelli</b>, il perch&eacute; di questa specifica scelta:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237220.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u> <BR><BR><i>R. &ndash; Noi pensiamo che le esperienze parlano con un&rsquo;eloquenza tutta particolare, hanno una loro forza di persuasione. Con questo Congresso, noi inauguriamo un processo prolungato di comunicazione di esperienze: continueremo a raccoglierle, a farne discernimento e a metterle in circolo.</i><BR><BR><i>D. &ndash; Aprendo questo incontro, lei ha parlato anche di una pastorale della misericordia. In ambito di pastorale familiare, come rivolgersi a chi ha posizioni contrarie o diverse o lontane da quelle della dottrina cristiana?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Innanzitutto, la prima priorit&agrave; sono le famiglie cristiane esemplari. Poi, attraverso queste famiglie, attraverso le dinamiche ecclesiali, mettere in campo una variet&agrave; di iniziative in modo che tutti si sentano amati: amati dalla Chiesa, amati da Dio. Nessuno si deve sentire non amato, emarginato. </i><BR><BR><i>D. &ndash; Che significato ha iniziare l&rsquo;Avvento con una &ldquo;Veglia di preghiera per la vita nascente&rdquo;?</i><BR><BR><i>R. &ndash; E&rsquo; stato un desiderio del Santo Padre, nella prospettiva della nascita di Ges&ugrave;, celebrare anche il valore, la bellezza, la dignit&agrave; di ogni vita umana che inizia, sboccia in questo mondo. A questo, quindi, si accompagna anche la cura, il rispetto incondizionato per la vita sia prima della nascita, nel grembo materno, sia dopo la nascita. Ma anche la preghiera, perch&eacute; senza la grazia di Dio &egrave; difficile, specialmente nella cultura, nella mentalit&agrave; di oggi, tenere desto questo rispetto incondizionato, questa accoglienza, questa premura per la vita nascente.</i><BR><BR><i>D. &ndash; Secondo lei, i cattolici con quale atteggiamento dovrebbero sensibilizzare oggi la societ&agrave; sul tema della tutela della vita nascente?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Intanto, con il proprio esempio. Poi, impegnandosi per una cultura rispettosa della persona, rispettosa della famiglia, rispettosa dei diritti dei bambini&hellip; Oggi, tutti rivendicano diritti individuali, ma in realt&agrave; sono gli adulti che spesso trasformano i loro desideri in diritti e non tengono conto del fatto che anche i bambini che nasceranno hanno dei diritti.</i><BR><BR><i>D. &ndash; Questa preghiera pu&ograve; essere un modo per guardare al cammino dell&rsquo;Avvento e poi al Natale?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Il Signore &egrave; venuto una volta per sempre, ma continua anche a venire in ogni persona e quindi dobbiamo accoglierlo concretamente nelle persone. E cominciare, appunto, con i pi&ugrave; deboli, con la vita nascente &egrave; un modo per dire che dobbiamo accoglierlo in ogni persona che incontriamo. E questo &egrave; il modo concreto di onorare il Signore stesso. (gf)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442576"><b>Altre udienze e nomine</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Benedetto XVI ha incontrato nel corso della mattinata, in successive udienze, un gruppo di presuli della Conferenza episcopale delle Filippine in visita ad Limina e l&rsquo;ambasciatore della Repubblica Democratica di Timer Orientale, in visita di congedo, Justino Maria Apar&iacute;cio Guterres. <BR><BR>In Sudan, il Papa ha nominato ausiliare dell&rsquo;Arcidiocesi di Juba il sacerdote Santo Loku Pio Doggale, del clero locale, finora viceparroco della Cattedrale. Il neo presule ha 40 anni e ha seguito i corsi di Filosofia e Teologia presso il St. Paul&rsquo;s National Seminary a Khartoum, conseguendo il Diploma in Teologia. Ordinato sacerdote, ha svolto gli uffici di segretario personale dell&rsquo;Arcivescovo, assistente presso la Sacred Heart Parish a Kworijik, segretario generale dell&rsquo;Arcidiocesi di Juba, parroco a St. Mary&rsquo;s Immaculate Parish a Terekeka.<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442571"><b>Il cardinale Grocholewski rappresenter&agrave; il Papa alle celebrazioni per i 400 anni della Pontificia Universit&agrave; &quot;Santo Tomas&quot; di Manila</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Beendetto XVI ha nominato il cardinale Zenon Grocholewski, prefetto della Congregazione per l'Educazione Cattolica, suo inviato speciale alle celebrazioni del quarto centenario della fondazione della Pontificia Universit&agrave; di &quot;Santo Tomas&quot; a Manila, nelle Filippine, che avranno luogo il 28 gennaio 2011.<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442587"><b>Il Papa crea la nuova diocesi di Bunda in Tanzania</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; In<b> </b>Tanzania, Benedetto XVI ha eretto la Diocesi di Bunda, con territorio dismembrato dall&rsquo;Arcidiocesi di Mwanza e della Diocesi di Musoma, rendendola suffraganea della Sede Metropolitana di Mwanza. Come primo Vescovo di Bunda, il Papa ha nominato, il sacerdote Renatus Leonard Nkwande, finora amministratore diocesano dell&rsquo;Arcidiocesi di Mwanza. Il 45.enne neo presule ha frequentato il Kibosho Major Seminary per gli studi di Filosofia, quindi il St. Charles Lwanga Seminary di Dar-es-Salaam per gli studi teologici. A Roma ha poi studiato per la Licenza in Diritto Canonico presso la Pontificia Universit&agrave; Urbaniana. Dopo l&rsquo;ordinazione sacerdotale, ha ricoperto i ministeri di vicario assistente parrocchiale, rettore di seminario, parroco, notaio, Managing Director of Self-Reliance Projects, economo diocesano.<b> </b><BR><BR>La nuova diocesi di Bunda sar&agrave; composta da 2 distretti: il distretto di Bunda, nella Regione civile di Mara, e il distretto di Ukerewe e Ukara, nella Regione civile di Mwanza, che conta 25 piccole isole. Inoltre, due parrocchie (Saragana e Mabui) nel distretto di Musoma, passeranno all&rsquo;erigenda Diocesi. Per quanto riguarda il confine dell&rsquo;erigenda Diocesi, il fiume Suguti, che si trova ad est della citt&agrave; di Bunda e che sfocia nel lago Victoria, diventer&agrave; la frontiera naturale tra la Diocesi di Musoma e quella di Bunda. I cattolici sono 335 mila su una popolazione diocesana di oltre un milione di persone. I sacerdoti diocesani sono 20, 2 quelli religiosi, 4 I seminaristi e 20 le religiose. La Chiesa parrocchiale <i>St. Paul&rsquo;s</i> di Bunda, diventer&agrave; la Chiesa Cattedrale dell'erigenda diocesi.<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442433"><b>Padre Lombardi sul libro-intervista del Papa: un servizio originale che risponde a molte domande sull'attualit&agrave;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Ha fatto molto parlare di s&eacute; il libro &ldquo;Luce del mondo&rdquo;, pubblicato nei giorni scorsi e basato su una lunga intervista-colloquio con Benedetto XVI realizzata dal giornalista tedesco, Peter Seewald. Un libro ampio &ndash; molto pi&ugrave; dei pochi argomenti enfatizzati dal clamore dei media &ndash; nel quale il Papa non esita ad affrontare argomenti profondi e delicati in modo schietto e comprensibile a tutti. Lo conferma in questo editoriale per il settimanale informativo &quot;Octava dies&quot; del Centro Televisivo Vaticano il nostro direttore generale, <b>padre Federico Lombardi</b>:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237255.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>Il Papa visto da vicino, conosciuto meglio non solo come Pontefice ma anche come uomo, attira la simpatia di moltissimi, che ne apprezzano gentilezza e sensibilit&agrave;, il tratto umile e umano, e l'attenzione per coloro che incontra, piccoli e grandi. L'entusiasmo della gente comune nel corso di tanti viaggi all'estero - come quelli a Malta, in Portogallo, nel Regno Unito o in Spagna - si spiega in gran parte con la migliore conoscenza della persona di Joseph Ratzinger, Benedetto XVI. </i><BR><BR><i>Ora abbiamo una nuova occasione per conoscere meglio chi &egrave; il nostro Papa. E' la sua lunga conversazione con il giornalista tedesco Peter Seewald, pubblicata nei giorni scorsi in varie lingue. Le notizie che hanno accompagnato la pubblicazione si sono spesso concentrate su poche pagine e su pochissimi argomenti, mentre nelle sei lunghe ore di colloquio da cui &egrave; nato il libro il Papa ha toccato innumerevoli argomenti che possono interessare la gente di oggi; e lo ha fatto con un linguaggio e uno stile semplice e spontaneo, con una sincerit&agrave; a volte quasi sconcertante. </i><BR><BR><i>Un suo nuovo servizio originale, dunque, per tutti noi, per rispondere a tante domande che volevamo fargli - da quelle pi&ugrave; profonde e importanti sul senso della nostra vita, a quelle sui problemi che travagliano la Chiesa, alle crisi drammatiche del mondo di oggi, e anche a quelle pi&ugrave; personali, su di lui e i suoi sentimenti. Un Papa che non ci parla solo dalla cattedra del suo magistero solenne o nel corso delle grandi celebrazioni liturgiche, ma ci lascia capire che cammina con noi, fratello e amico con i piedi ben piantati su questa nostra terra - affascinante ma drammatica - e cos&igrave; ci aiuta meglio a guardare avanti, con fede semplice e salda, e speranza viva.</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442561"><b>La Segreteria generale del Sinodo dei vescovi: migliori condizioni ad Haiti se gli aiuti fossero coordinati meglio</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; La situazione sociale ed ecclesiale nei diversi Paesi del Continente americano &egrave; stata al centro dei lavori della quindicesima riunione del Consiglio Speciale per l&rsquo;America della Segreteria generale del Sinodo dei vescovi, svoltasi nei giorni 16-17 novembre scorsi. Nel comunicato stampa diffuso al termine dell&rsquo;incontro si sottolinea come si notino molti segni di speranza ma anche alcuni di preoccupazione. Si registra con soddisfazione, in particolare, uno sviluppo economico positivo in alcuni Stati, anche se - si afferma - bisognerebbe favorire una distribuzione pi&ugrave; equa delle ricchezze e delle risorse naturali. Cresce la coscienza ecologica presso le popolazioni, allo scopo di salvaguardare il Creato e, dunque, di promuovere un uso ragionevole delle materie prime. Inoltre, vi sono tentativi di una maggiore integrazione continentale vista, in genere, con favore dalla Chiesa Cattolica, che cerca di ricuperare l&rsquo;unit&agrave; di tutto il continente in fedelt&agrave; allo spirito di comunione, proposto come orientamento pastorale nell&rsquo;Esortazione Apostolica postsinodale <i>Ecclesia in America</i>. <BR><BR>Tra i segni di preoccupazione &egrave; da segnalare l&rsquo;allarmante situazione sociale di Haiti, conseguenza del terremoto, che si protrae nel tempo aggravata dall&rsquo;epidemia del colera. La solidariet&agrave; manifestata concretamente da governi stranieri e da organismi ecclesiali - si legge poi nel comunicato - produrrebbe migliori frutti se gli enti locali fossero pi&ugrave; capaci di predisporre organicamente gli aiuti ricevuti. Anche il movimento migratorio rappresenta uno degli aspetti di maggiore preoccupazione. Si verifica da una parte l&rsquo;emigrazione dai Paesi pi&ugrave; poveri verso i pi&ugrave; ricchi, con conseguenze di diverso tipo: da un impoverimento delle risorse umane dei Paesi che subiscono l&rsquo;emigrazione, alla problematica sociale generata negli Stati che ricevono l&rsquo;immigrazione. Gravi difficolt&agrave; incontrano gli immigrati in situazione irregolare e spesso rimpatriati con la forza nei Paesi di origine. Ulteriori preoccupazioni provengono dalla produzione e dal traffico della droga, dal traffico delle armi, dalla violenza e dalla corruzione politica, che restano grandi sfide per numerosi Stati, nonostante alcuni successi nella lotta contro tali mali sociali. <BR><BR>Particolare attenzione merita anche la promozione di una serie di leggi contrarie alle norme etiche (leggi sull&rsquo;aborto, sull&rsquo;eutanasia e sui matrimoni tra persone dello stesso sesso), e l&rsquo;infiltrarsi - afferma il comunicato - di uno spirito non conforme ai valori cristiani nel campo dell&rsquo;educazione dei giovani e della comunicazione. Dal punto di vista sociale, si prende nota, con soddisfazione, del fatto che in vari Paesi si svolge regolarmente il processo elettorale secondo le norme delle rispettive Costituzioni. Tuttavia, non mancano tentativi ideologici di rivedere gli ordinamenti costituzionali e legislativi, provocando tensioni interne, anche con le Chiese locali, con ripercussioni nei rapporti internazionali. In questo contesto, si tenta di ignorare la Chiesa Cattolica, escludendola come partner nel dialogo sociale, nonostante l&rsquo;alta credibilit&agrave; di cui essa gode a livello popolare. Nel campo ecclesiale, infine, motivo di consolazione &egrave; l&rsquo;aumento delle vocazioni al sacerdozio, anche se assai diversificato sia nei Paesi sia nelle diocesi. La V Conferenza Generale dell&rsquo;Episcopato Latinoamericano e dei Caraibi (13-31 maggio 2007, Aparecida), ha suscitato notevole speranza. In questo senso, sono stati avviati ovunque programmi pastorali a livello locale per applicare le relative linee pastorali del Documento conclusivo di Aparecida, in continuit&agrave; con gli orientamenti dell&rsquo;Esortazione Apostolica post-sinodale<i> Ecclesia in America</i>. Di particolare importanza &egrave; la coscienza che tutta la Chiesa nel continente deve essere in stato di missione. I risultati di quest'opera di evangelizzazione, si afferma, sono assai positivi. (<b>A cura di Amedeo Lomonaco</b>)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442502"><b>Un libro fotografico documenta l'impegno del Vaticano nel campo delle energie rinnovabili. La presentazione il primo dicembre ai Musei Vaticani</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; L&rsquo;impegno del Vaticano nella sostenibilit&agrave; ambientale, uno dei temi di punta del magistero di Benedetto XVI, emerge con dovizia di particolari e immagini da libro fotografico scritto dalla Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato e pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana in una doppia versione italiana e inglese, rispettivamente con i titoli &ldquo;L&rsquo;Energia del Sole in Vaticano&rdquo; e &ldquo;The Energy of the Sun in the Vatican&rdquo;. Il volume, informa un comunicato ufficiale, verr&agrave; presentato presso la Sala Conferenze dei Musei Vaticani, il 1 dicembre prossimo alle 16, e nell&rsquo;occasione saranno approfonditi temi connessi con lo sviluppo, la diffusione e l&rsquo;avanzamento dei sistemi alimentati da fonti rinnovabili e il loro rapporto con lo Stato Vaticano. Il volume nasce su impulso del presidente del Governatorato dello Stato della Citt&agrave; del Vaticano, il cardinale Giovanni Lajolo, che in sintonia con gli auspici del Papa in materia, &ldquo;ha inteso assecondare &ndash; si legge nella nota &ndash; iniziative concrete e tangibili, mirate alla sostenibilit&agrave; ambientale&rdquo;. <BR><BR>Cos&igrave;, a due anni esatti dall&rsquo;inaugurazione dell&rsquo;impianto fotovoltaico installato sulla copertura dell&rsquo;Aula Paolo VI e dopo la realizzazione del secondo impianto solare, quello di Solar Cooling del Centro Industriale, lo Stato della Citt&agrave; del Vaticano &ldquo;pu&ograve; affermare, nel suo piccolo, di avere all&rsquo;interno del proprio comparto energetico una trigenerazione solare ovvero di generare, a partire dall&rsquo;energia del sole, le tre forme di energia secondaria: elettrica, termica e frigorifera&rdquo;. Alle 225 tonnellate di CO2 non emesse grazie all&rsquo;impianto fotovoltaico dell&rsquo;Aula delle Udienze, prosegue la nota, &ldquo;si sono aggiunte le circa 80 tonnellate di CO2 evitate grazie all&rsquo;impianto solare termico. <b>(A cura di Alessandro De Carolis)</b><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442562"><b>Oggi su &quot;L'Osservatore Romano&quot;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; La guerra non risolve i conflitti: Benedetto XVI al nuovo ambasciatore del Giappone presso la Santa Sede.<BR><BR>Il Papa prega davanti al feretro di Manuela Camagni.<BR><BR>In prima pagina, Pier Giordano Cabra sull'Avvento.<BR><BR>In rilievo, nell'informazione internazionale, l'arresto dei responsabili del gravissimo attacco, lo scorso 31 ottobre, alla cattedrale siro-cattolica dedicata a Nostra Signora del Perpetuo Soccorso a Baghdad.<BR><BR>Ibm? International Busa machines: in cultura, Stefano Lorenzetto intervista il gesuita Roberto Busa, pioniere dell'informatica linguistica, che domani compie 97 anni.<BR><BR>Da Montecorvino a Kambalik: Pietro Messa su fra Giovanni minorita fondatore della Chiesa in Cina e primo arcivescovo di Pechino.<BR><BR>Un articolo di Oddone Camerana dal titolo &quot;La storia si cambia con la luce&quot;: la Chiesa e la povert&agrave; del mondo.<BR><BR>L'evoluzionismo da solo non basta: Ludovico Galleni su Teilhard de Chardin e la biologia come scienza che studia la complessit&agrave;.<BR><BR>Il mondo guardato dall'altra parte: Irene Iarocci ricorda l'antropologo giapponese Umesao Tadao.<BR><BR>Un convegno, a Fano, su Valerio Volpini e la cultura del Novecento.<BR><BR>L'allarme dei vescovi europei per le crescenti tendenze populiste: nell'informazione religiosa, il comunicato finale dell'assemblea della Commissione degli episcopati della comunit&agrave; europea.<BR><BR>Nell'informazione vaticana, intervista di Nicola Gori al cardinale Gaudencio B. Rosales, arcivescovo di Manila.<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titNot"><a name="gr2">Oggi in Primo Piano</a></p><br /><br /> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442491"><b>Arresti per il massacro nella Cattedrale di Baghdad. Mario Mauro: no a un &quot;ghetto cristiano&quot;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; In Iraq, il Ministero dell&rsquo;interno fa sapere che sono stati arrestati i presunti responsabili dell'attacco compiuto il 31 ottobre scorso contro la Cattedrale di Baghdad, nel quale sono morti 44 fedeli e due sacerdoti. E dopo le ultime lettere di minaccia inviate da esponenti di Al Qaeda a famiglie di cristiani, il governatore della provincia di Ninive conferma il via libera del governo alla concessione del porto d&rsquo;armi a tutti i cristiani residenti nella provincia. L&rsquo;Unione Europea ha invitato le autorit&agrave; irachene a prendere misure efficaci per contrastare la persecuzione in atto contro i cristiani, ma i provvedimenti dovrebbero andare ben oltre questa iniziativa. La Risoluzione votata dal parlamento europeo due giorni fa prevede un piano di azione concreto e soprattutto la presa di coscienza di cosa ci sia in gioco. <b>Fausta Speranza</b> ne ha parlato con il promotore della Risoluzione, l&rsquo;europarlamentare <b>Mario Mauro</b>, rappresentante dell&rsquo;Ocse per la lotta contro il razzismo e la persecuzione dei cristiani:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237231.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>R. - Si chiedono al governo iracheno azioni immediate, perch&eacute; il governo iracheno, con un&rsquo;azione di natura tempestiva, ha la possibilit&agrave; di essere decisivo per creare le condizioni di sicurezza per il Paese. C&rsquo;&egrave; una proposta di Jalal Talabani, presidente iracheno, che io per&ograve; contrasto, perch&eacute; la proposta di Talabani &egrave; quella di mettere in sicurezza i cristiani, concentrandoli in un'unica provincia. Ma il problema non &egrave; di fare un ghetto cristiano. I cristiani sono i cristiani di Kirkuk, di Mossul e di Baghdad, di Bassora: non sono un&rsquo;etnia a parte, sono persone tra le persone, comunit&agrave; nella comunit&agrave;. Quindi, devono avere garanzie l&igrave; dove vivono e devono avere garanzie con un piano che deve essere sostanzialmente riconosciuto dalla comunit&agrave; internazionale, per permettere il ritorno dei cristiani in Iraq.</i><BR><BR><i>D. - Nella risoluzione si chiedono azioni immediate, un&rsquo;inchiesta a livello internazionale, ma anche la promozione a Baghdad, in tempi brevi, di una conferenza per promuovere il dialogo&hellip;</i><BR><BR><i>R. - Il problema della sopravvivenza - ormai di questo si tratta - della comunit&agrave; cristiana in Iraq &egrave; un problema di enorme complessit&agrave;, cui sono evidentemente legati dei principi che fondano la stessa possibilit&agrave; della convivenza civile in quel Paese. Intanto, in Iraq si sta consumando una tragedia di proporzioni bibliche, perch&eacute; sono oltre un milione le persone che hanno dovuto lasciare il Paese perch&eacute; cristiane e che vivono in condizioni molto difficili soprattutto tra Siria e Giordania. Questo fenomeno &egrave; iniziato con la caduta del governo di Saddam, perch&eacute; i cristiani sono diventati ostaggio nelle tensioni fondamentaliste che hanno scosso il Paese, nello scontro tra sunniti, sciiti e curdi. E sulla pelle dei cristiani si gioca un equivoco tipico della propaganda fondamentalista: i cristiani iracheni sarebbero cio&egrave; i crociati, gli occidentali, i colonialisti, gli imperialisti. Nulla di pi&ugrave; falso, perch&eacute; sono arabi che pensano in arabo, parlano arabo e sentono l&rsquo;Iraq come il proprio Paese e sono in quel Paese da secoli, prima dell&rsquo;arrivo dell&rsquo;Islam. E&rsquo; vero, invece, che esiste la strategia di utilizzare l&rsquo;attacco ai cristiani per mandarsi messaggi finalizzati ai propri equilibri di potere. E&rsquo; tipica non solo degli ambienti fondamentalisti, ma di tutta la politica irachena del dopo Saddam.</i><BR><BR><i>D. - Presidente Mauro, oltre ovviamente alla solidariet&agrave; umana per queste persone, che cosa significa per l&rsquo;Europa difendere il principio di libert&agrave; religiosa? </i><BR><BR><i>R. &ndash; Intanto, significa ribadire al mondo le ragioni per le quali abbiamo fatto l&rsquo;Unione Europea. L&rsquo;Unione Europea &egrave; stata fatta come antidoto ai fondamentalismi che ci hanno portato all&rsquo;ultima guerra mondiale. Allora, quei fondamentalismi erano di matrice totalitaria - nazismo, fascismo, comunismo - oggi sono progetti di potere a matrice islamista, teocrazie serpeggianti, che cercano di sottrarre agli iracheni il proprio futuro. Finalmente, per&ograve;, abbiamo anche una leva su cui fare pressione, per esercitare un condizionamento reale nel processo di sviluppo di democrazia in Iraq. Questa leva &egrave; la nascita del primo accordo tra Unione Europea e Iraq, un accordo che vale svariate decine di miliardi, dentro il quale abbiamo la possibilit&agrave; di ricordare che il primo problema non &egrave; di natura economica, ma di natura politica. Senza rispetto dei diritti umani, senza rispetto della libert&agrave; religiosa non c&rsquo;&egrave; possibilit&agrave; di mettere in sintonia l&rsquo;Europa e l&rsquo;Iraq e, quindi, di dare quel benessere che solo pu&ograve; garantire il futuro del Paese mediorientale.(ma)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442507"><b>A Fiesole Convegno di Pax Christi sul dramma quotidiano nei Territori palestinesi</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; In vista della Giornata internazionale di solidariet&agrave; con il popolo palestinese indetta dall&rsquo;Onu per il 29 novembre di ogni anno, oggi a Fiesole, in provincia di Firenze, &egrave; in corso il Convegno organizzato da Pax Christi Italia e dedicato al documento &lsquo;Kairos Palestina&rsquo;. Il servizio della nostra inviata a Fiesole, <b>Giada Aquilino</b>:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237298.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>&quot;Kair&ograve;s Palestina - Un momento di verit&agrave;&quot;. Cos&igrave; si intitola il documento scritto dalle comunit&agrave; cristiane palestinesi a cui il movimento internazionale Pax Christi - che lo ha pubblicato in Italia - dedica oggi il convegno di Fiesole. Un &ldquo;grido di sofferenza e una profonda testimonianza di fede dei cristiani di Terra Santa&rdquo; dice Pax Christi, ricordando che il testo &egrave; stato lanciato quasi un anno fa, nel dicembre 2009, e si ispira ad un analogo appello, &quot;Kairos Sudafrica&quot;, diffuso nel 1985 negli anni dell&rsquo;</i>apartheid<i>. Ma soprattutto Kair&ograve;s Palestina vuole essere &ldquo;un contributo alla riconciliazione, uno strumento per rafforzare la comunione, una speranza in assenza di ogni speranza&rdquo;. Qui, alla Badia Fiesolana, lo stanno testimoniando Iyad Twal e Aktham Saba Hijazin, due sacerdoti della Chiesa di Gerusalemme, che raccontano la loro esperienza di cristiani in una terra dove, purtroppo, ancora quotidianamente si consumano tensioni e conflitti. </i><BR><BR><i>Padre Iyad, in particolare, ha ricordato gli anni della cosiddetta &quot;prima Intifada&quot; nel villaggio di Birzeit, vicino Ramallah: giorni di coprifuoco, in cui una quindicina di studenti aveva chiesto ospitalit&agrave; dal parroco e si andava avanti a farina e miele per sopravvivere. Le testimonianze degli ultimi mesi sono state portate al Convegno dalle immagini del dvd &quot;Le Chiavi di Gaza&quot;, reportage di don Nandino Capovilla &ndash; coordinatore nazionale di Pax Christi &ndash; e Piero Fontana, sugli effetti dell&rsquo;operazione militare israeliana &quot;Piombo Fuso&quot; di fine 2008, sui civili, sugli studenti, sui bambini, sui pescatori, su chi si improvvisa muratore senza avere per esempio il cemento, per effetto del blocco nella Striscia. La quotidianit&agrave; nei Territori palestinesi qui a Fiesole &egrave; arrivata anche con le fotografie di Giovanni Sacchetti e Ruggero Da Ros, che immortalano i </i>check-point<i>, le armi, il muro di separazione tra Israele e Cisgiordania, ma anche le esperienze comunitarie di piccoli israeliani e palestinesi. Su tutto, le parole di una poesia palestinese: &ldquo;Abbiamo una malattia inguaribile: la speranza&rdquo;.</i><BR><BR>Al convegno di Pax Christi partecipa <b>Iyad Twal</b>, sacerdote del patriarcato latino di Gerusalemme, gi&agrave; parroco vicino e Ramallah e Jenin. A lui, la nostra inviata a Fiesole, <b>Giada Aquilino</b>, ha chiesto quale sia il significato del documento Kair&ograve;s Palestina:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237224.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>R. - Potrei dire che il significato viene proprio dal nome del documento: &egrave; arrivato il momento giusto per dire a tutta la comunit&agrave; cristiana del mondo, soprattutto alla Chiesa cattolica, che i vostri confratelli di fede, in Palestina, nei territori palestinesi, in Terra Santa, soffrono ancora.</i><BR><BR><i>D. - Girando per i Territori palestinesi, quale vita quotidiana si osserva?</i><BR><BR><i>R. - Prima di tutto la paura e la mancanza di speranza. Questo &egrave; molto pericoloso, perch&eacute; significa che un popolo senza speranza non pu&ograve; andare avanti: n&eacute; educare i propri figli n&eacute; trovare un lavoro n&eacute; credere nel sogno di una vita normale. Questa &egrave; la preoccupazione quotidiana: non vedere il futuro.</i><BR><BR><i>D. - Com&rsquo;&egrave; possibile allora vedere la luce nel futuro?</i><BR><BR><i>R. - Nel documento, veniva richiesto l&rsquo;aiuto della comunit&agrave; internazionale, per dare la possibilit&agrave; di vivere tranquillamente &ndash; avere una vita normale, la libert&agrave;, uno Stato &ndash; a questo popolo che sta cercando la liberazione. Alla fine, in fondo, la questione non &egrave; quella di essere &ldquo;pro Israele&rdquo; o &ldquo;pro Palestina&rdquo;, ma si tratta di un progetto per richiedere la giustizia e la pace per entrambi, per i due popoli: gli israeliani e i palestinesi.</i><BR><BR><i>D. - Pi&ugrave; volte il Papa ha rivolto appelli per le comunit&agrave; di Terra Santa, come vengono accolti?</i><BR><BR><i>R. - Vengono accolti bene. Infatti, per esempio, la visita del Papa a Betlemme nel campo dei rifugiati &egrave; andata benissimo e il Papa ha mostrato un bellissimo atteggiamento: ha capito molto bene la sofferenza dei palestinesi, prega per noi e ci aiuta anche, compatibilmente con le possibilit&agrave; della Chiesa cattolica. Poi, escono sempre nuove iniziative e possibilit&agrave; di andare avanti.(ma)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442541"><b>Il cardinale Ravasi sull'evoluzione biologica: primitiva e superata la divisione tra evoluzionismo e creazionismo</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; C&rsquo;&egrave; un nuovo rispetto fra scienza e fede, che si riconoscono come vie diverse che procedono parallelamente ad indagare la stessa realt&agrave;. Un&rsquo;analisi complessa del dialogo tra scienza, filosofia e teologia ha caratterizzato il convegno milanese promosso dall&rsquo;Associazione dei medici cattolici con il Pontificio Consiglio per la Cultura con l'obiettivo di arrivare all'instaurazione di un rispetto reciproco, in materia di evoluzione biologica, fra creazionismo ed evoluzionismo. Il servizio di <b>Fabio Brenna</b>:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237251.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u> <BR><BR><i>Un rispetto che si basa sul riconoscere la necessit&agrave; di approcci differenti e legittimi per l&rsquo;interpretazione dell&rsquo;essere: se la scienza si occupa delle questioni di scena, la filosofia e la teologia affrontano le questioni di fondamento, la ricerca del perch&eacute;, le finalit&agrave; di ci&ograve; che accade. Nelle conclusioni del </i><b><i>cardinale Gianfranco Ravasi</i></b><i>, presidente del Pontificio Consiglio per la Cultura, il riconoscimento dei benefici del ritrovato e franco dialogo fra le diverse discipline. <BR></i><BR><b>&ldquo;Primo vantaggio &egrave; quello che, a livello popolare, soprattutto a livello scolastico, si finisca con quella idea secondo la quale chi afferma l&rsquo;evoluzione &egrave; necessariamente ateo e il credente deve necessariamente combattere l&rsquo;evoluzione. Sono affermazioni che vengono fatte in maniera molto primitiva. Questo non accade pi&ugrave;, a livello alto, tra gli scienziati ed i teologi. Secondo vantaggio &egrave; che a livello umano generale, c&rsquo;&egrave; un&rsquo;interpretazione della realt&agrave; che ha bisogno del contributo di tante voci. E&rsquo; un&rsquo;interpretazione corale, &egrave; un&rsquo;interpretazione sinfonica a pi&ugrave; voci. Terzo: riconoscere la dignit&agrave; che hanno tutte le grandi discipline: da un lato la scienza e dall&rsquo;altra parte la teologia e la filosofia, perch&eacute; sono sguardi diversi dati alla realt&agrave; e sono interpretazioni che, da angoli di visuali diversi, permettono di capire di pi&ugrave; chi siamo, come siamo e quale meta dobbiamo raggiungere&rdquo;.<BR></b><BR><i>Il cardinale Ravasi, citando Benedetto XVI, ha quindi evidenziato come il processo evolutivo pu&ograve; entrare nel progetto divino della creazione. Anche in questo ambito si innesta il rapporto fra fede e ragione, che non a caso &ndash; ha sottolineato il porporato &ndash; viene indicato dal Papa come la grande sfida della contemporaneit&agrave;:</i><BR><BR><b>&ldquo;Ormai, il dialogo tra fede e ragione &egrave; un dialogo assolutamente riconosciuto come necessario anche da coloro che, a prima vista &ndash; poniamo, ad esempio, i fondamentalisti da una parte per la fede, gli scientisti, gli scienziati polemici, dall&rsquo;altra parte &ndash; riconoscono che la loro strumentazione &egrave; insufficiente a decifrare il mistero della realt&agrave;. Non &egrave; necessaria soltanto la fede, la teologia per comprendere di pi&ugrave; l&rsquo;uomo. Pensiamo: si pu&ograve; vivere senza arte? Si pu&ograve; vivere senza poesia? Si pu&ograve; vivere senza musica? Queste realt&agrave; non appartengono alla scienza in senso stretto: sono piuttosto sorelle, eventualmente, della teologia e della filosofia; per&ograve;, ci danno concezioni ed interpretazioni e visioni che sono di alto profilo e che sono altrettanto degne di dignit&agrave;&rdquo;.<BR></b><BR><i>Precisa l&rsquo;indicazione che il cardinale Ravasi ha dato ai credenti, a rispettare cio&egrave; i dati scientifici e i dati teologici senza tentazioni apologetiche. Mentre ai non credenti che operano nell&rsquo;orizzonte scientifico, il porporato ha chiesto di riconoscere la non-esauribilit&agrave; dell&rsquo;essere e dell&rsquo;uomo solo ricorrendo a parametri di verificabilit&agrave; scientifica. (gf)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442543"><b>Il Convegno di Scienza e Vita a 10 anni dal sequenziamento del genoma umano</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Si chiude oggi a Roma, presso il centro Congressi della Cei, la due giorni di lavori dell&rsquo;Associazione Scienza e Vita. L&rsquo;assemblea vede riuniti oltre cento delegati locali di tutta Italia per discutere le prossime iniziative. Questa mattina, &egrave; stata dedicata al tema &ldquo;Dieci anni dopo il sequenziamento del genoma umano&rdquo; con la relazione del <b>prof. Bruno Dallapiccola</b>, direttore scientifico dell&rsquo;ospedale pediatrico Bambino Ges&ugrave; di Roma. <b>Luca Collodi</b> lo ha intervistato per conoscere lo stato della ricerca sulla codifica del Dna umano, a dieci anni da quella che fu salutata come una grande conquista della scienza:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237257.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u> <BR><BR><i>R. &ndash; Diciamo che nessuno pu&ograve; mettere in dubbio che si trattasse di una scoperta e di un processo che ha comportato una serie di investimenti straordinari di grandissima rilevanza. Per&ograve;, forse la sintesi di tutto questo potrebbe essere letta in due articoli che sono usciti all&rsquo;indomani dell&rsquo;annuncio su un celebre giornale italiano che, a tutta pagina, titolava: &ldquo;La pi&ugrave; grande scoperta dell&rsquo;umanit&agrave;&rdquo;, e nella pagina 3, invece, in un&rsquo;intervista fatta al sottoscritto dicevo: &ldquo;Italiani, state tranquilli, nei prossimi 20 anni non cambier&agrave; la vita di nessuno&rdquo;. Badi bene, non &egrave; che io non voglia esprimere il grande entusiasmo dietro a questo processo che ha costituito soprattutto uno strumento straordinario per entrare in un nuovo mondo della ricerca, cio&egrave; affrontare la ricerca con modalit&agrave;, con tempi, con tecnologie completamente nuovi. In effetti, non &egrave; vero che non ci siano gi&agrave; state delle ricadute sulla popolazione, per&ograve; qualcuno si era aspettato risultati transnazionali maggiori, al letto del paziente, rispetto a quelli che poi, in effetti, ci sono stati. Dunque, &egrave; stato un successo enorme e un qualcosa che ha dato uno strumento di lavoro sul quale ora tutti stiamo operando. Forse, qualcuno si aspettava di pi&ugrave;...</i><BR><BR><i>D. &ndash; C&rsquo;&egrave; stata, per&ograve;, anche una comunicazione che ha lasciato credere al cittadino che dalla genetica potesse arrivare una sorta di panacea per risolvere tanti problemi nel campo delle malattie umane. Questo non &egrave; stato. Allora emergono due problemi: il business che gira anche intorno alla ricerca sul genoma, e la comunicazione che arriva al cittadino&hellip;</i><BR><BR><i>R. &ndash; La grande attesa che si aveva dal progetto genoma era di aiutarci a capire le malattie complesse. Sono stati fatti investimenti poderosi, per compiere l&rsquo;analisi completa del genoma nei pazienti che hanno malattie comuni come l&rsquo;ipertensione, le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2&hellip; I risultati che sono venuti fuori sono veramente disarmanti. Le conclusioni di questi studi sono state che &egrave; vero che c&rsquo;&egrave; una componente genetica, ma &egrave; pi&ugrave; importante controllare l&rsquo;ambiente, per cui il diabete lo controlliamo meglio ad esempio con la dieta, con lo stile di vita piuttosto che preoccuparci di una possibile suscettibilit&agrave; genetica. In altre parole, il peso delle conoscenze genetiche &egrave; ancora troppo piccolo, e noi ci auguriamo che possa aumentare con nuovi studi, che verranno fatti nei prossimi anni. Qual &egrave; il problema, per&ograve;? Queste scoperte, che sono ancora </i>in fieri<i>, gi&agrave; vengono prese dalla commercializzazione con la promessa e quindi la vendita di test, che in realt&agrave; non producono grandi benefici per paziente, a fronte, per lui, di costi elevati. L&rsquo;area commerciale &egrave; prontissima a captare tutto quello che potrebbe incuriosire il paziente. Una non corretta informazione, che viene veicolata attraverso i media, &egrave; responsabilit&agrave; dei ricercatore, che enfatizza risultati che dovrebbe tenere nel cassetto: probabilmente, bisognerebbe essere un pochino pi&ugrave; prudenti quando si fanno determinate affermazioni. Nel 2006, la Commissione di genetica del Regno Unito ha pubblicato un bellissimo documento la cui sintesi era: ricercatori e divulgatori, attenti a non dire cose troppo enfatizzate rispetto alle ricerche che state compiendo. A luglio, il Comitato nazionale per la bioetica e il Comitato per la biosicurezza e le biotecnologie hanno preparato un documento importante che richiede esattamente le stesse cautele sull&rsquo;uso di questi test. Mi sembra, per&ograve;, che questi documenti non abbiano la divulgazione che meriterebbero di avere e non abbiano l&rsquo;impatto sull&rsquo;opinione pubblica che dovrebbero avere. (gf)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442514"><b>In Italia, la Giornata della Colletta alimentare: pi&ugrave; di 8 mila supermercati per unire spesa e solidariet&agrave;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Al via la giornata nazionale della Colletta alimentare. Oggi in oltre 8100 supermercati in tutte le citt&agrave; italiane sar&agrave; possibile fare la spesa e al tempo stesso, compiere un gesto di solidariet&agrave;. A promuovere l&rsquo;evento la Fondazione Banco Alimentare Onlus, che da anni si occupa di sostenere le persone pi&ugrave; povere, attraverso donazioni di cibo e non solo. Oltre 100 mila volontari consegneranno all&rsquo;ingresso dei punti vendita un sacchetto da riempire con prodotti non deperibili e prodotti per l&rsquo;infanzia. &ldquo;Un&rsquo;iniziativa che &egrave; segno concreto di carit&agrave;, come sottolinea al microfono di <b>Cecilia Seppia</b>, il presidente della Fondazione Banco Alimentare Onlus, <b>mons. Marco Inzoli</b>:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237193.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>R. &ndash; E&rsquo; un grande avvenimento di carit&agrave;. E&rsquo; proprio nei momenti in cui tutti soffrono di pi&ugrave;, e soffrono anche nelle loro esigenze primarie, che forse si comprende maggiormente il bisogno degli altri. Mi verrebbe da dire che non c&rsquo;&egrave; nessun povero che sia cos&igrave; povero da non poter aiutare un&rsquo;altra persona. Noi abbiamo assistito in questi anni, e soprattutto gi&agrave; l&rsquo;anno scorso, ad una crisi avanzata a livello internazionale, ma siamo sicuri che anche quest&rsquo;anno succeder&agrave; la stessa cosa. La gente, quando sente sulla propria pelle il bruciore di una difficolt&agrave;, non pu&ograve; non guardare alle difficolt&agrave; altrui e non sentire la propria. </i><BR><BR><i>D. &ndash; Quindi, una giornata, un&rsquo;iniziativa che fa bene a chi riceve, ma anche a chi dona...</i><BR><BR><i>R. &ndash; Molti saranno invitati esattamente a fare questa esperienza: a sentire chi ha voluto bene loro nella vita &ndash; a cominciare dalla propria madre e dal proprio padre &ndash; e a fare altrettanto, a condividere questo amore ricevuto, perch&eacute; diventi esperienza di dono, di gratuit&agrave; e diventi, pertanto, l&rsquo;inizio di societ&agrave; nuova.</i><BR><BR><i>D. &ndash; Verranno raccolti prevalentemente prodotti a lunga conservazione, come olio, legumi, tonno, ma anche prodotti per l&rsquo;infanzia. Dove verranno distribuiti?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Verranno immediatamente portati nei magazzini della rete Banco Alimentare, che sono in tutto il territorio nazionale. Cominceranno a essere consegnati, dal giorno dopo, a quasi novemila enti caritativi, assistenziali, cio&egrave; a quelle realt&agrave; che sono pi&ugrave; vicine ai poveri: dalle Caritas parrocchiali alle mense per i poveri, alle comunit&agrave; di accoglienza.</i><BR><BR><i>D. &ndash; All&rsquo;Angelus di domenica scorsa, il Papa ha dato la sua benedizione a tutti i volontari impegnati nella Colletta. Come la vivono questa iniziativa?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Quello che &egrave; spettacolare &egrave; vedere questo esercito &ndash; diecimila volontari &ndash; che sono studenti delle scuole medie e superiori &ndash; e a volte persino pi&ugrave; piccoli &ndash; che sono giovani, che sono adulti, anziani, pensionati, gente di ogni razza, anche musulmani e cinesi &ndash; questi ultimi hanno fatto addirittura un volantino in cinese per invitare i loro amici. Ma quest&rsquo;anno abbiamo soprattutto dei carcerati, che usufruiranno della loro possibilit&agrave; di uscita dal carcere per potere andare a fare la Colletta. Davvero un popolo e un esercito della carit&agrave;. (ap)</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442442"><b>Il commento di padre Bruno Secondin al Vangelo della prima Domenica di Avvento</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Nella prima Domenica del tempo di Avvento, il Vangelo presenta il brano di Luca nel quale Ges&ugrave; parla con i discepoli della seconda venuta del Figlio dell&rsquo;uomo e degli segni che la precederanno, sconvolgendo la terra e le &ldquo;potenze dei cieli&rdquo;. E afferma:<BR><BR><i>&ldquo;Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perch&eacute; la vostra liberazione &egrave; vicina&rdquo;.</i><BR><BR>Su questo brano del Vangelo, ascoltiamo il commento del carmelitano<b> padre Bruno Secondin</b>, docente di Teologia spirituale alla Pontificia Universit&agrave; Gregoriana:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237216.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>Ricomincia l&rsquo;anno liturgico domani: entriamo nell&rsquo;Avvento, che &egrave; come la soglia attraverso la quale ritroviamo la via ai grandi eventi della salvezza. &ldquo;&Egrave; ormai tempo di svegliarvi!&rdquo;, grida Paolo nella lettera ai Romani. Anche Ges&ugrave; ribadisce: &ldquo;Vegliate! Tenetevi pronti!&rdquo;. Vale a dire, scrutate se all&rsquo;orizzonte ci sono segnali di Colui che attendiamo, e che arriver&agrave; senza preannuncio. Se il cuore attende e ci si tiene pronti, amando e sognando il momento dell&rsquo;incontro, la vita non sar&agrave; vuota, ma fermentata dalla promessa e dal desiderio, e tutto si rinnova di continuo.</i><BR><BR><i>Al contrario capit&ograve; con i contemporanei di No&egrave;: vivevano una quotidianit&agrave; senza mete e &ldquo;non si accorsero di nulla&rdquo;, quando apparve il giudizio decisivo di Dio. Una esistenza inconsapevole per alcuni, per altri invece cadenzata da una coscienza vigile, che ha fatto la differenza. &ldquo;Cercate di capire questo&rdquo;, invita Ges&ugrave;: cio&egrave; di passare dalla non consapevolezza al desiderio del cuore che tutto orienta e fermenta. L&rsquo;Avvento proprio a questo invita: tenersi pronti, perch&eacute; aspettiamo qualcuno. E perch&eacute; Qualcuno &egrave; in attesa di noi, e ci viene a cercare sempre di nuovo.</i><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titNot"><a name="gr3">Chiesa e Societ</a></p><br /><br /> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442510"><b>Liberato in Pakistan un cristiano condannato a 25 anni di carcere per blasfemia</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Munir Masih, cristiano accusato e condannato a 25 anni di carcere per blasfemia, &egrave; stato liberato oggi su cauzione dall&rsquo;Alta Corte della citt&agrave; pachistana di Lahore. Munir, operaio del distretto di Kasur, in Punjab, sposato e padre di sei figli, era stato condannato &ldquo;per aver toccato il Corano con le mani sporche&rdquo;. L&rsquo;uomo ha sempre dichiarato la sua innocenza, spiegando che le accuse infondate venivano da un vicino di casa, dopo una lite fra i rispettivi figli. Stessa accusa anche per la moglie dell&rsquo;uomo, Riqqiya Bibi, condannata a 25 anni e tuttora in carcere, nonostante i suoi avvocati sperino nel suo rilascio, dopo quello del marito: l&rsquo;Alta Corte si pronuncer&agrave; per lei la prossima settimana. La richiesta di rilascio su cauzione per la coppia cristiana &egrave; stata inoltrata per tre volte e i coniugi erano gi&agrave; stati rilasciati a gennaio 2009, per poi essere arrestati nuovamente dopo le proteste di militanti musulmani. &ldquo;Il caso di Munir e Riqqiya &ndash; spiega una fonte citata dall&rsquo;agenzia Fides &ndash; conferma il trend per cui molti dei verdetti iniqui comminati in primo grado per blasfemia, basati su false accuse, vengono ribaltati dopo nuove indagini dell&rsquo;Alta Corte: accade nel 95% dei casi. Speriamo questo accada anche nel caso di Asia Bibi&rdquo;, la prima donna cristiana condannata a morte per blasfemia. &ldquo;Intanto &ndash; osserva la fonte - si pone il serio problema delle condizioni in cui versano i tribunali di primo grado, facilmente influenzati da pressioni esterne, e dell&rsquo;urgente revisione della legge sulla blasfemia&rdquo;. Una proposta di revisione della norma &egrave; stata, infatti, depositata di recente all&rsquo;Assemblea Nazionale da Sherry Rehman, parlamentare musulmana e Presidente del prestigioso &ldquo;Jinnah Institute&rdquo;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442422"><b>Pakistan: approda in parlamento la proposta di revisione della Legge sulla blasfemia</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Una dettagliata proposta di revisione della legge sulla blasfemia &egrave; approdata all&rsquo;Assemblea Nazionale: &egrave; quanto l'agenzia Fides apprende da Sherry Rehman, musulmana, parlamentare del &ldquo;Pakistan People Party&rdquo;, che ha redatto il documento e lo ha sottoposto alla Segreteria del Parlamento, &ldquo;nella speranza di discuterlo e di trovare un consenso pi&ugrave; ampio possibile in Assemblea&rdquo;.&#9;La Rehman &ndash; presidente del prestigioso Istituto di studi politici intitolato ad Ali Jinnah, il fondatore del Pakistan &ndash; spiega le ragioni della mozione: &ldquo;Con il caso di Asia Bibi, la pressione internazionale &egrave; cresciuta, il dibattito interno ferve, la questione &egrave; fra le priorit&agrave; a livello politico, sociale e religioso. Per questo oggi abbiamo un&rsquo;opportunit&agrave; preziosa per discutere, finalmente, opportune modifiche alla legge sulla blasfemia&rdquo;. Fra le diverse proposte di modifica contenute nel documento vi sono, ad esempio: cinque anni di carcere al posto della pena di morte, per chi commette il reato di blasfemia; pene severe per chi formula false accuse di blasfemia e per chi incita all&rsquo;odio religioso; il passaggio dei procedimenti per blasfemia alla competenza dell&rsquo;Alta Corte; la necessit&agrave; di precise prove e garanzie prima dell&rsquo;arresto di un accusato. La prossima sessione dei lavori del Parlamento &egrave; prevista per il 20 dicembre: &ldquo;Auspichiamo che il presidente dell&rsquo;Assemblea inserisca la mozione nell&rsquo; agenda dei lavori. Da 25 anni il Paese sopporta una legislazione che fu introdotta dal generale Zia e non fu approvata da alcun Parlamento. E&rsquo; tempo di affrontare questo problema. Nella societ&agrave; civile il consenso cresce, anche se vi sono proteste da gruppi islamici estremisti&rdquo;, sottolinea la Rehman. Sulla visita del cardinale Tauran in Pakistan, la donna dice: &ldquo;Siamo felici, gli diamo il benvenuto e accogliamo il sostegno della Santa Sede e della comunit&agrave; internazionale a questa campagna. La legge &egrave; vergognosa, colpisce le minoranze religiose (e non solo quelle), &egrave; palesemente ingiusta. E&rsquo; grave ed &egrave; sbagliato compiere violenze e ingiustizie nel nome del Profeta Maometto&rdquo;.&#9; La Rehman vede &ldquo;buone speranze&rdquo; sulla vicenda di Asia Bibi: &ldquo;Il suo &egrave; diventato un caso internazionale, e credo giunger&agrave; a buon fine, o attraverso l&rsquo;iter processuale che ne dimostrer&agrave; l&rsquo;innocenza o con la grazia presidenziale. Ma credo anche che Asia, simbolo di tale campagna anti-blasfemia, non potr&agrave; pi&ugrave; vivere in Pakistan perch&eacute; sar&agrave; in pericolo di vita. Dovremo metterla al sicuro all&rsquo;estero&rdquo;. (R.P.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442458"><b>Shazia Bashir, la ragazza pakistana cristiana violentata e uccisa, non avr&agrave; giustizia</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Sdegno nella comunit&agrave; cristiana in Pakistan per l&rsquo;assoluzione di Chaudry Naeem, il ricco avvocato musulmano accusato di aver stuprato e ucciso Shazia Bashir, la ragazza cristiana di 12 anni uccisa nel gennaio 2010. Chaudry, incriminato insieme con suo figlio Haris e sua moglie Ghzala, &egrave; stato assolto per mancanza di prove da un tribunale di primo grado a Lahore. La famiglia era accusata di aver costretto la ragazza a lavorare come domestica nella loro casa, di fatto sequestrandola e di averla violentata ma secondo la difesa, l&rsquo;assoluzione si basa sul fatto che l&rsquo;accusa non ha potuto dimostrare, con prove mediche inconfutabili, la violenza e l&rsquo;omicidio. Il rapporto medico giunto in tribunale, infatti, afferma che Shazia &ldquo;&egrave; deceduta di morte naturale, a causa di una malattia della pelle&rdquo; e le prove testimoniali della madre della ragazza e dei suoi fratelli non sono state ritenute sufficienti dalla Corte. &ldquo;Per la famiglia di Shazia non sar&agrave; fatta giustizia. Non &egrave; la prima volta che, in casi simili, l&rsquo;esito dei processi lasci impuniti influenti cittadini musulmani, nonostante le atrocit&agrave; compiute su cristiani poveri e indifesi&rdquo;, ha commentato all'agenzia Fides Nasir Saeed, responsabile del &ldquo;Centre for Legal Aid Assistence and Settlement&rdquo;, che offre assistenza legale gratuita ai cristiani in Pakistan. Gli avvocati e le organizzazioni cristiane che si stanno occupando del caso hanno intanto annunciato il ricorso in appello. &ldquo;Questo verdetto dimostra che alcuni personaggi sono sopra la legge&rdquo;, ha dichiarato Peter Jacob, segretario esecutivo della &ldquo;Commissione Giustizia e Pace&rdquo; dei vescovi pakistani&rdquo;. &ldquo;Il verdetto &ndash; ha aggiunto - dimostra ancora una volta l&rsquo;inefficienza e la scarsa indipendenza dei tribunali ed &egrave; la prova di come si possono pilotare i giudizi&rdquo;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442464"><b>India: i cristiani di Orissa stanno perdendo la fiducia nella giustizia</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; La scarcerazione su cauzione di Manoj Pradhan, tra i principali imputati al processo per i pogrom avvenuti nel 2008 in Orissa ha fatto perdere ai cristiani la speranza di ottenere giustizia. Mons. Lucas Kerketta della diocesi di Sambalpur, afferma all'agenzia AsiaNews che &ldquo;i giudici dell&rsquo;Orissa sembrano essere molto indulgenti verso le persone che hanno eseguito la peggiore violenza anti-cristiana degli ultimi anni, con centiniaia di morti, 56mila sfollati case e chiese distrutte&rdquo; . Manoj Pradhan, deputato del Bharatiya Janata Party (Bjp) e membro del gruppo estremista Sangha Parivar, in settembre era stato condannato in primo grado a sei anni di carcere per l&rsquo;omicidio di Vikram Nayak, cristiano ucciso durante i pogrom del 2008. Lo scorso 22 novembre la corte d&rsquo;appello ha optato per il rilascio su cauzione. &quot;Tutte le persone sanno che Pradhan &egrave; stato uno dei personaggi chiave degli attacchi contro i cristiani a Kandhamal &ndash; sottolinea mons. Kereketta - Se i tribunali continuano a concedere libert&agrave; su cauzione e ad assolvere i detenuti, i cristiani perderanno la loro fiducia nel processo giudiziario e nello Stato &quot;. Secondo padre Nicalas Barla, avvocato e attivista per i diritti umani, che assiste in giudizio i cristiani di Kandhamal, gli avvocati e i giudici dei tribunali dell&rsquo; Orissa sono &quot;di parte&quot; e ignorano il grido di giustizia dei cristiani. &ldquo;Tuttavia &ndash; afferma padre Nicalas - i cristiani di Kandhamal andranno avanti. Abbiamo in programma - aggiunge - di fare appello all&rsquo;Alta corte per i casi che abbiamo perso nei tribunali d&rsquo;appello di grado inferiore. I processi qui a Kandhamal sono ormai inutili, dato che i detenuti sono stati quasi tutti liberati su cauzione&rdquo;. Intanto, fuori dai tribunali di Kadhamal continuano le violenze. Lo scorso 25 novembre Manoj Sahu, leader nazionalista ind&ugrave; dell&rsquo;Orissa &egrave; stato ucciso a Bramanigaon (Kandhamal) da un commando di maoisti del Naxal mentre si recava alla fermata dell&rsquo;autobus sotto casa sua. L&rsquo;uomo era tra gli organizzatori del primo pogrom anticristiani iniziato il 24 dicembre 2007 a Bramanigaon, avvenuti in seguito all&rsquo;omicidio del leader nazionalista ind&ugrave; Swami Laxamnanda Swarsati, anch&rsquo;egli ucciso dai maoisti. (R.P.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442423"><b>Iraq: appello dei vescovi caldei contro le violenze nel Paese</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; I vescovi caldei dell'Iraq hanno rivolto un appello alle autorit&agrave; religiose musulmane affinch&eacute; sia espressa una pubblica condanna contro le azioni violente che colpiscono le minoranze religiose. &Egrave; quanto emerso dalla riunione dei presuli che si &egrave; svolta a Erbil, coordinata dall'arcivescovo di Kerk{l-umacron}k dei caldei, Louis Sako. In un messaggio, a firma di monsignor Sako ripreso da L'Osservatore Romano, si chiede una fatwa delle autorit&agrave; musulmane &laquo;per aiutare a chiarire che le violenze contro i cristiani sono illegittime e contrarie ai principi della religione islamica&raquo;. Secondo il messaggio, a seguito delle violenze, una sessantina di famiglie cristiane sarebbero fuggite dalla capitale Baghdad per rifugiarsi a Suleimaniya, mentre altre ottanta si sarebbero dirette a Erbil. A queste, inoltre, si devono aggiungere quelle che hanno trovato riparo nei villaggi cristiani situati nella piana di Ninive. I vescovi hanno espresso &laquo;sconvolgimento&raquo; per l'attentato alla chiesa di Nostra Signora della Salvezza, a Baghdad, che ha causato oltre cinquanta morti e decine di feriti e per gli altri episodi di violenza che hanno colpito la comunit&agrave; cristiana nella citt&agrave; di Mosul. L'arcivescovo di Kerk{l-umacron}k ha sottolineato come la richiesta di una fatwa sia stata avanzata nella convinzione che essa possa &laquo;aiutare a chiarire che tali azioni sono illegittime e contrarie ai principi della religione islamica&raquo;. L'incontro, secondo quanto riporta il sito Baghdadhope, si &egrave; svolto in assenza del patriarca di Babilonia dei Caldei, il cardinale Emmanuel III Delly, rimasto nella capitale Baghdad a causa della difficile situazione. Nel messaggio dei vescovi caldei, si evidenzia in particolare l'importanza &laquo;di salvaguardare e consolidare la presenza storica dei cristiani in Iraq&raquo;, in quanto &laquo;se emigrassero, se ne andrebbe anche il ricco patrimonio di cui sono depositari&raquo;. In questo contesto, i presuli concludono rivolgendo un'esortazione &laquo;ai cristiani benestanti che vivono nei Paesi della diaspora, affinch&eacute; investano nella regione per creare opportunit&agrave; di lavoro per i loro fratelli&raquo;. (R.P.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442443"><b>I vescovi europei preoccupati per &ldquo;le crescenti tendenze populiste&rdquo;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; &ldquo;Constatiamo nei paesi dell&rsquo;Ue un aumento significativo dei movimenti e delle tendenze populiste&rdquo;; si tratta di &ldquo;un fenomeno complesso&rdquo; che &ldquo;ci preoccupa profondamente&rdquo;. E&rsquo; l&rsquo;allarme lanciato dai vescovi europei in un messaggio al termine dell&rsquo;assemblea plenaria della Comece (la Commissione degli episcopati della Comunit&agrave; europea), che dopo tre giorni di lavori si &egrave; conclusa ieri a Bruxelles. I presuli sottolineano che il populismo, talune forme di regionalismo o di nazionalismo esasperate, &ldquo;tendono a dividere la societ&agrave;&rdquo;, minando la &ldquo;coesione sociale e la solidariet&agrave;&rdquo;. Il populismo, spiegano, discrimina &ldquo;i pi&ugrave; deboli nella societ&agrave;&rdquo; e &ldquo;d&agrave; l&rsquo;illusione di poter trovare soluzioni semplicistiche a problemi complessi&rdquo;. &ldquo;Ci preoccupano in particolare gli sviluppi di queste tendenze in alcuni Paesi e il fatto che i cristiani non ne siano esenti&rdquo;, segnala il cardinale Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco-Freising e vice presidente Comece, citato dall&rsquo;agenzia Sir. In risposta a questa &ldquo;deriva culturale&rdquo; e sociale, la Comece invita a &ldquo;promuovere un dialogo interculturale fondato sulla verit&agrave; e la fraternit&agrave;&rdquo;, incoraggiando &ldquo;i cristiani a perseguire l&rsquo;impegno civile e sociale a servizio del prossimo&rdquo;. &ldquo;Il populismo &ndash; aggiungono i vescovi &ndash; &egrave; l&rsquo;opposto dell&rsquo;idea di integrazione europea&rdquo; ed &ldquo;&egrave; assolutamente incompatibile con la vocazione universale della Chiesa&rdquo;. Numerosi i temi affrontati nel corso della plenaria: dal crescente fenomeno del populismo, alla crisi economica, dalla libert&agrave; religiosa in Europa e nel mondo, all&rsquo; organizzazione delle prossime Giornate sociali dei cattolici per l&rsquo;Europa, la cui prima edizione si svolse a Danzica nel 2009. &ldquo;Per la prossima edizione forse nel 2013 &ndash; ha spiegato mons. Piotr Jarecki, vescovo ausiliare di Varsavia e vicepresidente Comece - stiamo pensando a una doppia sede, in una citt&agrave; dell&rsquo;Europa occidentale e in un&rsquo;altra citt&agrave; collocata nei paesi di pi&ugrave; recente adesione all&rsquo;Ue&rdquo;. Rifacendosi agli atti delle Giornate di Danzica, mons. Jarecki sottolinea che &ldquo;occorre mettere a confronto il principio della solidariet&agrave; con la sua effettiva pratica. Solidariet&agrave; tra le persone e tra le generazioni, fra i popoli e gli Stati europei, nonch&eacute; tra l&rsquo;Europa e il resto del mondo&rdquo;. Un ampio rapporto &egrave; stato dedicato infine dal Comece alla libert&agrave; religiosa e illustrato da mons. Youssef Soueif, arcivescovo dei maroniti di Cipro. &ldquo;Si tratta di un elemento essenziale della vita umana &ndash; ha spiegato il presule - e come tale deve essere tutelata&rdquo; a livello di societ&agrave; civile, nel &ldquo;dialogo tra le chiese e le fedi&rdquo; e dalle istituzioni politiche. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442479"><b>Crisi finanziaria in Irlanda: appello alla solidariet&agrave; dall&rsquo;arcivescovo di Dublino</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; L&rsquo;Irlanda sta attraversando una crisi finanziaria senza precedenti. Un piano di stabilit&agrave; per i prossimi 4 anni &egrave; stato varato dal Governo con tagli per ben 15 miliardi di Euro, di cui 6 nel 2011. Manifestazioni di protesta si levano un po&rsquo; ovunque, ma fino ad ora sono prevalsi senso di responsabilit&agrave; e volont&agrave; di risolvere i problemi dell&rsquo;Irlanda, causati dalla presente crisi. &quot;Abbiamo bisogno di solidariet&agrave; d&rsquo;intenti in questo particolare momento finanziario&quot;, ha dichiarato l&rsquo;arcivescovo di Dublino, Diarmuid Martin, se vogliamo superare la crisi che ci attanaglia. Solidariet&agrave; significa interazione e la comunit&agrave; cristiana ne dovrebbe essere un modello, condividendo non solo le risorse finanziarie, ma anche le nostre qualit&agrave; e la nostra fondamentale umanit&agrave;. E la situazione presente &egrave; proprio difficile per l&rsquo;Irlanda: marce di protesta contro la legge di stabilit&agrave;, che prevede 15 miliardi di tagli in 4 anni, con perdita di posti di lavoro, si levano da ogni parte. Il Governo, ormai sfiduciato, &egrave; nel mirino di chi protesta. Trattative tra i Governi europei per ultimare il prestito di 85 miliardi di Euro per riorganizzare e ricapitalizzare le banche irlandesi, si intensficano in queste ore e dovrebbero essere ultimate prima dell&rsquo;apertura dei mercati finanziari di luned&igrave;. Punti cruciali rimangono ancora gli interessi da richiedere, che saranno intorno al 5%. Ma bisogna aggiungere che gli irlandesi sono coscienti dell&rsquo;attuale situazione e rispondono positivamente al senso di solidariet&agrave; invocato anche dall&rsquo;arcivescovo di Dublino, Diarmuid Martin, che ha aggiunto: &quot;Un clima politico di rabbia per il passato e ansiet&agrave; per il futuro potrebbe portarci a una politica negativa e distruttiva. Invece alla base di quanto vogliamo ottenere, deve esserci un&rsquo;oculata solidariet&agrave;, che pensi a tutti, in particolare ai pi&ugrave; bisognosi&quot;. <b>(Da Dublino, Enzo Farinella) </b> <u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237236.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u> <BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442424"><b>Le iniziative del Coe in occasione della XVI Conferenza sul clima a Cancun</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Una celebrazione interreligiosa, il 4 dicembre, un incontro sugli aspetti teologici della battaglia in difesa del clima, il 7 dicembre, e un appello finale ai governanti della Terra a non rimandare ulteriormente misure concrete contro il riscaldamento globale, il 10 dicembre. Sono le tre iniziative promosse dal Consiglio ecumenico delle Chiese (Coe) in concomitanza con la XVI Conferenza delle parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (Cop 16), ospitata quest&rsquo;anno a Cancun, in Messico, dal 29 novembre al 10 dicembre. Al summit, che riprender&agrave; le questioni lasciate in sospeso dal deludente vertice di Copenhagen del 2009 (conclusosi con un nulla di fatto), il Coe parteciper&agrave; con una delegazione di 14 persone che faranno sentire la voce delle Chiese cristiane del mondo, in particolare sul dovere della salvaguardia del Creato e di proteggere le persone pi&ugrave; vulnerabili e pi&ugrave; esposte agli effetti del surriscaldamento globale. &ldquo;Il nostro auspicio &ndash; ha dichiarato il responsabile del programma del Coe sui cambiamenti climatici Guillermo Kerber - &egrave; che la conferenza possa raggiungere un accordo sulla condivisione delle tecnologie, sulle misure di riduzione e di adattamento ai cambiamenti climatici e sugli strumenti necessari a ridurre le emissioni dei gas serra per limitare a 1,5 gradi centigradi l&rsquo;aumento della temperatura globale&rdquo;. Della delegazione del Coe far&agrave; parte anche Mohammad Abdus Sabur della &ldquo;Asian Muslim Action Network&rdquo; (Rete di Azione musulmana dell&rsquo;Asia - Aman) che esporr&agrave; il punto di vista musulmano sul problema dei cambiamenti climatici. In questi ultimi anni la comune volont&agrave; di affrontare il problema del riscaldamento globale &egrave; diventato un importante terreno di collaborazione interreligiosa e un recente colloquio islamo-cristiano organizzato dal Coe a Ginevra e che ha visto riuniti alti esponenti cristiani e musulmani, l&rsquo;ha definito una &ldquo;preoccupazione maggiore&rdquo; per le due religioni. (L.Z.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442496"><b>Brasile: appello alla pace dell'arcivescovo di Rio di Janeiro dopo le recenti violenze</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; L'arcivescovo di Rio de Janeiro, mons. Orani Jo&atilde;o Tempesta, dinanzi ai recenti scontri verificatisi nella citt&agrave;, ha chiesto di &quot;vincere il male con il bene&quot; e &quot;promuovere la pace&quot;. Questa &egrave; &quot;la via d'uscita dal circolo vizioso del male, della violenza&quot; ha detto. I violenti scontri tra polizia e trafficanti di droga hanno avuto inizio domenica scorsa, quando la polizia &egrave; entrata nelle favelas di Rio de Janeiro, cercando di ripristinare la presenza dello Stato nelle zone considerate &quot;libere&quot; dalle mafie della droga. Finora i combattimenti seguiti hanno provocato 25 morti, 3 poliziotti feriti, 196 arrestati e 96 veicoli incendiati. Mons. Tempesta ha detto in un comunicato ripreso dall'agenzia Fides, che l'arcidiocesi &egrave; solidale con tutti coloro che &quot;attraversano la tribolazione e la sofferenza per le attuali incertezze e difficolt&agrave;&quot; che vive Rio de Janeiro in questi giorni. Per raggiungere il desiderato sviluppo sociale e l'equilibrio culturale di Rio de Janeiro &quot;&egrave; necessario parlare di pace&quot;, ha osservato mons. Tempesta. Egli ha anche indicato come fondamentale il tornare di nuovo &quot;a cercare l'ispirazione nei valori della vita e della dignit&agrave; umana&quot;. (R.P.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442503"><b>Costa Rica: nasce una rete di radio cattoliche per il Centro America</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; I vescovi del Centro America hanno deciso durante l&rsquo;Assemblea plenaria tenuta in Costa Rica, di creare un Network delle radio cattoliche per la regione. &ldquo;Ci sono 60 stazioni di radio broadcasting in Centro America e adempiono ad un ruolo fondamentale nei rapporti pubblici della vita della Chiesa&rdquo;, ha detto il vescovo di San Marcos in Guatemala, mons. Alvaro Ramazzini. &ldquo;Queste radio aiutano nella lotta contro il crimine e la corruzione e sono di un valore inestimabile quando si tratta dell'aiuto umanitario e della promozione umana. Tutto questo &egrave; possibile perch&eacute; i mezzi di comunicazione sono promotori di valori umani&rdquo; ha aggiunto. Mons. Alvaro Ramazzini - riferisce l'agenzia Fides - ha incoraggiato tutti i sacerdoti del Centro America a invitare tutti i fedeli a far entrare la radio nelle loro case e, nella misura delle possibilit&agrave;, a creare una radio nelle loro parrocchie. Allo stesso tempo ha rilevato che questo compito e questo servizio hanno dei costi per mantenere i programmi cattolici che sono in onda, quindi la creazione di questa &ldquo;Rete&rdquo; si presenta come una soluzione. Si tratta di presentare la questione in modo che questa rete di stazioni possa costituirsi come una unione, dove ognuna possa aiutare l'altra con il supporto tecnico e finanziario. Mons. Romulo Emiliani, vescovo di San Pedro Sula, ha spiegato che &quot;quando c'&egrave; una stazione radiofonica e il proprietario &egrave; un imprenditore, non &egrave; sempre facile assumere un impegno etico. In questo caso possiamo suggerire, ma non imporre. Ma quando siamo noi i proprietari, allora possiamo affrontare la sfida di Aparecida&quot;. Da parte sua mons. Gregorio Rosa Chavez, vescovo ausiliare di San Salvador, ha osservato che &quot;la sfida che propone Aparecida &egrave; conoscere la cultura digitale, e ci invita a usare un linguaggio corretto anche con le nuove tecnologie. Queste dichiarazioni, riferite dalla Conferenza episcopale del Costa Rica e dalle agenzie locali, sono state fatte ad Alajuela, in Costa Rica, dove si &egrave; tenuta la riunione annuale del Segretariato episcopale dell'America Centrale (Sedac), che si &egrave; conclusa ieri. (R.P.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442452"><b>Colombia: la Chiesa assiste oltre un milione di persone colpite dalle piogge torrenziali</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; E&rsquo; sempre pi&ugrave; importante e concreto l&rsquo;impegno della Chiesa in Colombia per assistere le vittime delle piogge torrenziali che da mesi colpiscono il Paese. Un messaggio alle vittime di questo disastro naturale &egrave; giunto anche da Benedetto XVI, il quale domenica scorsa ha auspicato &ldquo;che gli appelli alla solidariet&agrave; vengano ascoltati&rdquo;, unendosi a quanti pregano per le vittime e per chi sta vivendo &ldquo;ore di angoscia e tribolazione&rdquo;. La Chiesa colombiana &egrave; in questo momento di grande sostegno alle comunit&agrave; locali e porta il proprio aiuto collaborando con altri organismi nazionali e internazionali per raggiungere le zone pi&ugrave; remote colpite dai temporali. Le piogge che la Colombia registra dall'inizio di quest&rsquo;anno a causa de &ldquo;La Ni&ntilde;a&rdquo; (il raffreddamento delle acque dell'Oceano Pacifico) &ndash; fa sapere l&rsquo;agenzia Zenit - hanno provocato fino alla met&agrave; della settimana scorsa almeno 136 morti, coinvolgendo 1,3 milioni di persone, in quella che viene considerata la peggiore stagione delle piogge degli ultimi trent'anni. Le alluvioni hanno colpito pi&ugrave; di 500 comuni in 28 dipartimenti. La regione Caribe &egrave; stata la pi&ugrave; devastata e la maggior parte delle vittime si &egrave; registrata nei dipartimenti di Bol&iacute;var, Magdalena, C&oacute;rdoba e Sucre. Qui, nella cosiddetta &ldquo;mojana sucre&ntilde;a&rdquo;, nel dipartimento di Sucre, i 250 mila abitanti vivono ormai in mezzo all'acqua e il parroco locale, Eduardo Arce, ha dichiarato che l&rsquo;unico modo per uscire dalla tremenda situazione &egrave; chiedere aiuto direttamente al Presidente Juan Manuel Santos. Gli effetti della &ldquo;La Ni&ntilde;a&rdquo;, inoltre continueranno fino al 2011. Il rapporto della Chiesa in Colombia segnala che il totale delle famiglie coinvolte &egrave; di oltre 300 mila. Ci sono poi pi&ugrave; di 2 mila case distrutte e 200 mila danneggiate, 300 strade colpite e oltre 67mila ettari di coltivazioni inondati. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442474"><b>Emergenza aiuti in Vietnam per i sopravvissuti alle alluvioni</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Migliaia di famiglie evacuate, oltre 250 mila case sommerse dall&rsquo;acqua, pi&ugrave; di 200 abitazioni distrutte, 143 morti. Sono i numeri dell&rsquo;emergenza in Vietnam, a oltre un mese di distanza dalle alluvioni che hanno colpito pesantemente la zona centrale del Paese. Circa l'80% delle precipitazioni che si registrano nella provincia annualmente, infatti, sono cadute in soli 10 giorni. Delle cinque province colpite, Nghe An, Ha Tinh, Quang Binh, Quang Tri e Thua Thien Hue, quest'ultima &egrave; quella che ha subito pi&ugrave; danni, fa sapere l&rsquo;agenzia Fides. La parte centrale del Paese non &egrave; nuova alle alluvioni e i residenti di solito mettono da parte scorte di cibo, tuttavia quest'anno le piogge sono state particolarmente gravi e la comunit&agrave; locale si &egrave; vista spazzare via tutto a causa degli allagamenti. Oltre ai danni alle infrastrutture, 2 mila ettari su 3 mila delle risaie del distretto di Vu Quang sono andate perse, mettendo la gente a rischio di carestia prima del prossimo raccolto di maggio. Gli agricoltori pi&ugrave; danneggiati stanno ricevendo aiuti alimentari a breve termine dalle organizzazioni umanitarie e governative ma l&rsquo;emergenza resta. Secondo l'Oxfam, organizzazione impegnata contro la povert&agrave; e l'ingiustizia, la necessit&agrave; pi&ugrave; impellente &egrave; garantire cibo e sussistenza per i prossimi 3-5 mesi. Servono interventi supplementari per favorire i prossimi raccolti stagionali, in particolare sementi e fertilizzanti. In base ai dati dell&rsquo;organizzazione, il recupero di guadagni e di risorse alimentari potrebbe richiedere da tre a sei mesi fino al raccolto della stagione invernale primaverile. Tuttavia per molte famiglie occorreranno oltre cinque anni per recuperare le perdite. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442450"><b>Egitto: l&rsquo;Universit&agrave; di Al Azhar apre al dialogo con studiosi ebraici</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Una nuova fase nei rapporti tra musulmani ed ebrei &egrave; stata aperta dall&rsquo;universit&agrave; egiziana di Al Azhar, al Cairo, considerato il pi&ugrave; importante centro di pensiero sunnita. Un&rsquo;apertura al dialogo che cancella un antichissimo bando nei rapporti fra le due religioni, annunciata a Londra durante un incontro fra leader politici e religiosi in Parlamento, dallo sceicco Fawzi al-Zifzaf, presidente del comitato permanente per il dialogo del prestigioso ateneo. La sua dichiarazione - spiega l'agenzia Asianews - abolisce un antico divieto di dialogo fra i seguaci delle due religioni abramitiche. &ldquo;Il punto di origine di questo invito &egrave; l&rsquo;Islam stesso che chiama alla fratellanza e alla comprensione reciproca e invita a stringere pi&ugrave; forti legami fra i musulmani e i seguaci di altre religioni&rdquo;, ha affermato Zifzaf. L&rsquo;universit&agrave; sunnita, infatti, aveva canali aperti di comunicazione con cattolici e anglicani sin dagli anni &rsquo;90, ma, fino ad ora, aveva escluso contatti diretti con studiosi ebraici. Anche se la dichiarazione non parlava esplicitamente di ebraismo, il portavoce del gran Muft&igrave;, Mohamed Elsharkawy, ha lasciato capire che il messaggio era diretto al pubblico ebraico. Commenti positivi sono giunti dal rabbino Marc Schneier, vice presidente del World Jewish Congress e fautore del miglioramento delle relazioni fra ebrei e musulmani, che ha lodato la dichiarazione: &ldquo;E&rsquo; una decisione che segna un punto storico e Al Azhar merita ogni lode &ndash; ha detto - una dichiarazione del genere, che proviene dal centro guida del pensiero islamico del mondo sar&agrave; di aiuto a tutte le forze moderate nell&rsquo;islam&quot;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442448"><b>Appello del cardinale Sgreccia per &ldquo;un&rsquo;azione pastorale rivolta alla vita&rdquo;</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Un appello a &ldquo;rivedere tutte le attivit&agrave; pastorali della Chiesa&rdquo; per incentrarle sulla &ldquo;vita umana e sulla &ldquo;sua bellezza&rdquo;. A lanciarlo &egrave; il cardinale Elio Sgreccia, gi&agrave; presidente della Pontificia Accademia per la vita, nella &ldquo;lectio magistralis&rdquo; tenuta ieri all&rsquo;VIII incontro nazionale delle associazioni locali di Scienza &amp; Vita, in programma fino ad oggi a Roma sul tema: &ldquo;Alleati per un&rsquo;antropologia positiva&rdquo;. A darne notizia &egrave; l&rsquo;agenzia Sir. &ldquo;Dalla Chiesa e dall&rsquo;opera della Chiesa &ndash; spiega il neo porporato &ndash; deve uscire il pi&ugrave; e il meglio che si pu&ograve; dare alla vita umana. La Chiesa &ndash; ha puntualizzato &ndash; non pu&ograve; entrare negli aspetti politici, sociali, economici, ma ha molto da dire sul rispetto della vita, sul diritto a vivere, sulla vita come bene umano e divino, intangibile, non negoziabile. Se manca questo, manca una testimonianza, e si diffonde lo sgomento&rdquo;. Nella Chiesa, ha quindi sottolineato - c&rsquo;&egrave; bisogno di un&rsquo;azione pastorale rivolta alla vita&rdquo; e per metterla in pratica bisogna tener presenti tre &ldquo;polarit&agrave;&rdquo;: Ges&ugrave; Risorto, che &ldquo;va reso vivo e presente nella Chiesa&rdquo;; il Kair&ograve;s, cio&egrave; &ldquo;l&rsquo;occasione salvifica&rdquo;, che implica la capacit&agrave; di &ldquo;saper cogliere i bisogni emergenti&quot;, la prassi, che in questo ambito &egrave; &ldquo;ancora troppo legata e discontinua&rdquo;. Il cardinale Sgreccia ha infine richiamato l&rsquo;&ldquo;emergenza educativa&rdquo; segnalata dal Papa e scelta dai vescovi italiani come tema per questo decennio pastorale. Secondo il porporato, la Chiesa non deve stancarsi di ripetere che &ldquo;la sessualit&agrave; &egrave; un bene, &egrave; un dono di Dio, che va conservato e che va speso associandolo all&rsquo;amore umano e divino: se non si vince questa battaglia si perdono anche tutte le altre battaglie culturali&rdquo;. &quot;La sessualit&agrave; - ha spiegato - va rievangelizzata, senza tab&ugrave; ma anche senza lassismi o radicalit&agrave; anticristiane&rdquo;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442499"><b>Il cardinale Scherer invita i laici a contribuire alla costruzione di un mondo pluralista</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; &ldquo;Una rinnovata presa di coscienza su chi sia la Chiesa e chi siano i cristiani laici&rdquo;. E&rsquo; questo secondo l'arcivescovo di San Paolo del Brasile, il cardinale Odilo Scherer, uno dei frutti del 1&deg; Congresso dei Laici dell'arcidiocesi di San Paolo, conclusosi domenica scorsa. L'evento, iniziato a gennaio, ha coinvolto il laicato sul tema &ldquo;Cristiani laici, discepoli e missionari di Ges&ugrave; Cristo nella citt&agrave; di San Paolo&rdquo;. &ldquo;Esiste un'idea errata sulla Chiesa, come se fosse un'organizzazione di sacerdoti e professionisti della religione che offrono prodotti a persone interessate, come altre organizzazioni di mercato&rdquo;, sostiene il cardinale in un articolo sulla rivista &ldquo;O S&atilde;o Paulo&rdquo;, riportato dall&rsquo;agenzia Zenit. &ldquo;Purtroppo, questa nozione pu&ograve; penetrare anche all'interno della Chiesa stessa: in questo caso, i laici sarebbero una sorta di consumatori dei prodotti di questa organizzazione. Si tratta di una caricatura &ndash; sottolinea il porporato, per il quale &ldquo;la Chiesa &egrave; una comunione di persone consacrate in nome di Dio e animate dal suo Spirito&rdquo; e &ldquo;i cristiani laici sono partecipanti, a pieno titolo e dignit&agrave;, del Popolo di Dio. I laici &ndash; spiega - hanno ricevuto in abbondanza i doni dello Spirito di Dio e partecipano, in vari modi, alla missione della Chiesa: annunciare il Vangelo, servire i fratelli nella carit&agrave; e santificare il mondo, testimoniando la vita nuova del Regno di Dio&rdquo;. Per il cardinale Scherer, infatti, un altro frutto del Congresso &ldquo;&egrave; la buona percezione del fatto che esistono gi&agrave; molti laici attivi nella vita e nella missione della Chiesa&rdquo;. Il porporato ha inviato i cristiani laici a conoscere meglio la propria fede, la Chiesa di Cristo, la Dottrina Sociale della Chiesa, l'Antropologia e la Morale cristiana. &ldquo;Senza questo &ndash; ha sottolineato - non avranno niente di proprio per contribuire alla costruzione del mondo pluralista, che ha bisogno del contributo di tutti&rdquo;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442466"><b>Vietnam: prosegue l&rsquo;Assemblea generale del popolo di Dio sul ruolo dei cattolici</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Proseguono i lavori dell&rsquo;Assemblea generale del popolo di Dio, aperta il 21 novembre scorso. &ldquo;Dovremmo avere uno sguardo armonico della nostra Chiesa: non vederla come un&rsquo;organizzazione sociale, n&eacute; comprenderla attraverso ricerche di sociologia, n&eacute; affermare che &egrave; del tutto mistica&rdquo;: cos&igrave; mons. Nguyen Nang, vescovo della diocesi di Phat Diem e presidente della Conferenza episcopale vietnamita, &egrave; intervenuto durante il primo giorno di incontri. Il vescovo - riferisce l'agenzia AsiaNews - ha poi aggiunto che &ldquo;la Chiesa locale &egrave; esistita da sola con lo scopo e il modo di lavorare nella guida dello Spirito Santo. Tuttavia la nostra Chiesa ha fatto degli errori, ed &egrave; necessario riconoscere i peccati e rimediare. La missione della Chiesa &egrave; costruire la fede dei parrocchiani, aiutando i cattolici vietnamiti a leggere la Bibbia; partecipare alla messa; vivere in maniera umile, preservando un&rsquo;esistenza virtuosa e la nostra fede&rdquo;. Mons. Cosma Hoang Van Dat, vescovo della diocesi di Bac Ninh e segretario generale della Conferenza episcopale vietnamita, &egrave; intervenuto il 24 novembre scorso all&rsquo;Assemblea affermando che la Chiesa vietnamita &quot;vive e mantiene la fede tra il nostro popolo. I cattolici vietnamiti sono anche cittadini vietnamiti. Il nostro popolo ha contribuito allo sviluppo della nazione, in materia di cultura, istruzione, per la societ&agrave; e la difesa del Paese. In particolare i bravi pastori hanno consolidato e rafforzato la Chiesa del Vietnam nel contesto della societ&agrave; attuale. Abbiamo bisogno di avere dialogo e cooperazione con il governo. Soprattutto abbiamo fiducia nel Vaticano, e siamo in comunione con il Papa&rdquo;. La Chiesa in Vietnam ha spesso fronteggiato molte difficolt&agrave;. La storia della costruzione di una sua gerarchia nazionale ha attraversate tre grandi momenti nell&rsquo;arco di 50 anni: dal 1954 al 1975, quando il Vietnam era diviso in nord e sud; dal 1975 al 1986, il tempo dell&rsquo;unificazione e della costruzione del socialismo nell&rsquo;intero Paese; dal 1986 a oggi, quando lo Stato ha aperto le porte per lo sviluppo di un&rsquo;economia di mercato basata sull&rsquo;orientamento del socialismo. In questi 50 anni, le famiglie cattoliche hanno praticato una vita di fede leggendo la Parola di Dio e celebrando l&rsquo;eucarestia. (R.P.) <BR><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442420"><b>Le Chiese africane istituiscono un fondo per sostenere la formazione teologica</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Sostegno per lo sviluppo dell&rsquo;insegnamento della teologia in Africa: la Conferenza delle Chiese di tutta l&rsquo;Africa (Ceta) istituir&agrave; un fondo in risposta ai bisogni legati alla diffusione del cristianesimo nel continente africano. Il fondo, si legge sul sito www.oikoumene.org, sar&agrave; sostenuto dalle Chiese cristiane, da organizzazioni ecumeniche partner e da agenzie di sviluppo legate alle Chiese cristiane. La decisione &egrave; scaturita in seguito ad un incontro organizzato dal Programma di formazione teologica ecumenica del Consiglio ecumenico delle Chiese (Coe) e dal Dipartimento di teologia della Ceta e svoltosi nelle scorse settimane a Nairobi, in Kenya. Le istituzioni che hanno perso parte all&rsquo;incontro si sono proposte la promozione di programmi per il corpo insegnante, la elaborazione di progetti comuni di ricerca e il miglioramento della qualit&agrave; della formazione teologica. E&rsquo; stata anche decisa la creazione di una Accademia di teologia e di studi religiosi di tutta l&rsquo;Africa, che possa fungere anche da Centro studi per le grandi personalit&agrave; della teologia africana e per gli specialisti della ricerca teologica e religiosa. Intanto &egrave; stato approvata la pubblicazione di un manuale di formazione teologica in Africa sulla base di un progetto della professoressa Isabel Phiri dell&rsquo;universit&agrave; di KwaZulu-Natal di Pietermaritzburg, in Sud Africa. (T.C.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442421"><b>Camerun: mons. Bakot esorta i giovani a costruire un futuro migliore</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; &ldquo;I giovani camerunesi sono la carta vincente per tutti noi, che siamo cristiani o meno. Dobbiamo preparare l&rsquo;avvenire a questa giovent&ugrave; ed essa stessa deve costruire il proprio avvenire sul rigore, la devozione, il lavoro ben fatto, la fede in Dio, il servizio a Dio e agli altri&rdquo;: &egrave; quanto ha affermato, riferisce il portale www.cameroon-tribune.cm, mons. Victor Tonye Bakot, arcivescovo di Yaound&eacute;, in Camerun, dopo aver incontrato il presidente Paul Biya ed aver discusso con lui dei tre grandi avvenimenti che il Paese si prepara a vivere. Si tratta del sinodo diocesano dei giovani, previsto per il 30 novembre sul tema &ldquo;Quale giovent&ugrave; per il Camerun e per la Chiesa di oggi e di domani?&rdquo;, dei 120 anni della Chiesa cattolica in Camerun e della celebrazione, pastorale e liturgica, da parte dell&rsquo;arcidiocesi di Yaound&eacute; del 50.mo anniversario dell&rsquo;indipendenza e della riunificazione del Camerun. I 120 anni della Chiesa camerunense saranno festeggiati dall&rsquo;8 all&rsquo;11 dicembre a Marienberg, luogo di pellegrinaggio nazionale della Chiesa cattolica, dove, proprio l&rsquo;8 dicembre nacque la prima missione cattolica consacrata a Maria Regina degli Apostoli. Circa la celebrazione dell&rsquo;anniversario di indipendenza del Paese, il presule ha sottolineato che sar&agrave; un tempo di preghiera e di meditazione, che &ldquo;permetter&agrave; di riflettere sull&rsquo;impegno delle Chiese a servire questo Paese con devozione, seriet&agrave; e fede in Dio&rdquo;. Mons. Bakot ha inoltre auspicato che Dio possa essere al centro delle attivit&agrave; e delle preoccupazioni dei cristiani. (T.C.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442477"><b>Italia: fine settimana di solidariet&agrave; per salvare dall&rsquo;Aids i bambini della Guinea Bissau</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; &ldquo;Scegli la carta della solidariet&agrave;!&rdquo;. E&rsquo; l&rsquo;appello della Fondazione &ldquo;aiutare i bambini&rdquo; per la sesta edizione di &ldquo;Babbo Natale per un giorno&rdquo;, l&rsquo;evento nazionale di piazza che permette a tutti di &ldquo;diventare Babbo Natale&rdquo;, aiutando concretamente i bambini. Per accogliere l&rsquo;invito della Fondazione basta recarsi oggi e domani in uno degli oltre 200 banchetti allestiti nelle principali piazze italiane (per conoscerle www.aiutareibambini.it) e fare una piccola donazione: in segno di ringraziamento i volontari di &ldquo;aiutare i bambini&rdquo; regaleranno una confezione di carta regalo natalizia o il cappello di Babbo Natale, simbolo dell&rsquo;iniziativa. I fondi raccolti saranno destinati al progetto &ldquo;Latte e Pappe&rdquo;, con l&rsquo;obiettivo di salvare 900 bambini della Guinea Bissau dall&rsquo;Aids, attraverso la somministrazione di latte pediatrico in polvere e di pappe, evitando cos&igrave; l&rsquo;allattamento materno, causa della trasmissione del virus Hiv. Come di consueto, infatti, anche quest&rsquo;anno la manifestazione si svolger&agrave; nei giorni che precedono la Giornata Mondiale della Lotta all&rsquo;Aids, tema al quale &egrave; dedicata questa edizione dell'evento. Tanti anche i testimonial che parteciperanno all&rsquo;iniziativa, tra i quali Anna Valle, Federica Panicucci, Max Pisu, Leo Gullotta, Neri Marcor&egrave;, Elio e le storie tese, che indosseranno simbolicamente il cappello di Babbo Natale. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442462"><b>Premio Taddei 2010 al regista Fedorchenko per il film &quot;Ovsyanki&quot;, sul confronto con la morte</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Andr&agrave; al regista russo Aleksei Fedorchenko il premio padre Nazareno Taddei 2010 con il film Ovsyanki (Silent Souls), vincitore anche di diversi premi nel corso dell&rsquo;ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia. Il riconoscimento sar&agrave; consegnato marted&igrave; prossimo alle 21, al cinema &ldquo;Il Nuovo&rdquo; di La Spezia. Il premio, giunto alla sua quarta edizione, viene, infatti, assegnato a un film in concorso a Venezia che &ldquo;esprima autentici valori umani con il miglior linguaggio cinematografico&rdquo;. Il presidente di Giuria, paolo Mereghetti, ha spiegato come la scelta sia ricaduta sul film russo, che &ldquo;ha saputo raccontare l&rsquo;odissea e il confronto di due uomini con la morte e soprattutto con la tradizione che sta scomparendo, quella dell&rsquo;etnia tribale Merya di cui i due uomini fanno parte e lo ha saputo fare con un linguaggio inventivo nuovo e pieno di poesia&rdquo;. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442533"><b>70 anni fa nasceva il Programma Lituano della Radio Vaticana</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Il Programma Lituano della Radio Vaticana festeggia oggi i suoi primi 70 anni. Nel 1940, mentre la Seconda Guerra Mondiale era al suo secondo anno, infatti, Papa Pio XII volle mandare un nuovo segnale di speranza e vicinanza attraverso le onde della Radio Vaticana, questa volta rivolto al popolo lituano stremato dall occupazione sovietica. Cominciarono cos il 27 novembre di quell'anno le trasmissioni regolari in lingua lituana dell Emittente pontificia, preparate dalla neo costituita Sezione lituana della Radio Vaticana. Lo storico dei primi 50 anni di vita della nostra emittente, Fernando Bea, nel suo volume ricorda che  per insistenza del Ministro della Lituania presso la Santa Sede, Stasys Girdvainis, si mandava in onda un programma bisettimanale in lituano . Bea scrive inoltre che gi  all entrata in guerra dell Italia, il 10 giugno 1940", la Radio Vaticana "trasmetteva con frequenza bisettimanale, o trisettimanale in lituano. Il Programma attraverso sette decenni di vita ha vissuto con preoccupazione e vicinanza le molteplici vicissitudini del popolo lituano. Oltre alla guerra, tra i periodi pi difficili ci furono gli anni della dittatura sovietica, durante i quali i rapporti diretti della Sede Apostolica con la Lituania furono impediti e le trasmissioni in lituano della Radio Vaticana per gli ascoltatori in Patria costituivano l unica fonte di notizie sull'attivit del Papa e la vita della Chiesa. Negli ultimi due decenni, durante i quali la Chiesa ha potuto riacquistare la propria libert in uno Stato indipendente, il programma Lituano si adeguato ai cambiamenti e anche grazie al contributo della locale Radio Maria lituana, continua a produrre programmi sui diversi aspetti delle attivit del Santo Padre e la Sede Apostolica, la Chiesa Universale e le chiese locali. Il primo Responsabile fu mons. Pranciakus Bu ys MIC, padre mariano e poi vescovo di rito orientale. I programmi in lituano furono temporaneamente soppressi alla fine del 1942, forse per la mancanza di collaboratori, per essere poi ripresi nel 1946. L attuale responsabile un laico, il dott. Jonas Malinauskas. (L.G.)<BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <p class="titNot"><a name="gr4">24 Ore nel Mondo</a></p><br /><br /> <p class="titolettoNot"><a name="Art_442569"><b>Haiti al voto domani per scegliere il nuovo presidente della Repubblica e rinnovare l&rsquo;assemblea nazionale</b><BR></a></p> <p class="corpoNot">&loz;&nbsp;&nbsp; Nel pieno dell&rsquo;emergenza colera, la popolazione di Haiti &egrave; convocata domani alle urne per le presidenziali. A scegliere il successore di Preval saranno oltre quattro milioni e mezzo di elettori che dovranno rinnovare anche i rappresentanti della Camera e parte di quelli del Senato. I sondaggi danno come favorita Manigat, che si presenta come una moderata di sinistra. Per un quadro politico nel Paese, <b>Eugenio Bonanata</b> ha intervistato <b>Roberto Da Rin</b>, esperto di America Latina per il Sole 24 ore:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237254.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>R. - Sono tre candidature diverse e dai sondaggi fatti finora, mi sembra che la candidata donna di 70 anni, persona moderata, di sinistra, che pare abbia dei precedenti di buona amministrazione, sia quella che abbia maggiore probabilit&agrave; di successo.</i><BR><BR><i>D. - Manca il partito del deposto presidente Aristide e questo crea un po&rsquo; di apprensione anche dal punto di vista della sicurezza, perch&eacute; i suoi sostenitori sono quelli che, in questi mesi, hanno espresso diverse volte e in vari modi dissenso nei confronti della presidenza e anche dell&rsquo;Onu...</i><BR><BR><i>R. - Questo &egrave; un potenziale di destabilizzazione molto grande, tanto che tutti i brogli che i candidati temono potrebbero essere fomentati da questa frangia politica. E' un&rsquo;incognita, nessuno sapr&agrave; come si potr&agrave; colmare questo vuoto di trasparenza. D&rsquo;altra parte, questo &egrave; un Paese disastrato, dove si sono sempre susseguiti brogli e ora, oltretutto, c&rsquo;&egrave; anche una comunit&agrave; internazionale oltremodo screditata. Sono arrivati molti soldi con il terremoto ma, come al solito, non sono arrivati alla popolazione.</i><BR><BR><i>D. - E&rsquo; chiaro che chiunque sia il nuovo presidente avr&agrave; di fronte questa esigenza, cio&egrave; di rimettere a posto le cose nel Paese e far fronte all&rsquo;emergenza che non si &egrave; riusciti ad controllare, in questi mesi...</i><BR><BR><i>R. - S&igrave; &egrave; cos&igrave;. Il Paese &egrave; dilaniato da bande politiche da una parte, e da bande criminali e soprattutto &egrave; in emergenza sanitaria continua. Il colera &egrave; un problema delle ultime settimane, naturalmente, ma la situazione sanitaria &egrave; talmente disastrosa che da sempre sono in agguato mille epidemie.</i><BR><BR><i>D. - Il mondo delle Ong chiede cambiamenti al nuovo governo per la risoluzione dei problemi&hellip;</i><BR><BR><i>R. - Va detto che il mondo delle Ong &egrave; presente. Da sempre ci sono delle Ong molto serie che sono stanziali ad Haiti, ma con questo problema del colera anche le Ong internazionali hanno dovuto ridurre la loro attivit&agrave; lavorativa. Ho conosciuto e conosco dei responsabili di Ong che sono rimasti chiusi in casa senza poter lavorare proprio per sfuggire al contagio, quindi c&rsquo;&egrave; anche una situazione ulteriormente aggravata e, se possibile, ancora pi&ugrave; insopportabile da un punto di vista sanitario. Un disastro umanitario continuo.</i><BR><BR><i>D. - La priorit&agrave; numero uno della nuova </i>leadership<i> del Paese &egrave; proprio quella di ricucire i rapporti con il volontariato e quindi con le organizzazioni umanitarie internazionali?</i><BR><BR><i>R. &ndash; S&igrave;, proprio perch&eacute; purtroppo c&rsquo;&egrave; un discredito totale, sfiducia nei confronti di buona parte della comunit&agrave; internazionale che eroga dei soldi, ma &egrave; contestata da alcuni haitiani di distribuirli poi alle cosche e di non farli arrivare alla gente. Invece, la comunit&agrave; delle Ong &egrave; ancora considerata onesta e quindi immune da richieste poco trasparenti. Le Ong rimangono forse un baluardo, in questo Paese. (ma)<BR></i><BR><b>Prosegue il duro contrasto tra le due Coree</b><BR>Botta e risposta a distanza fra le due Coree, oggi, alla vigilia delle manovre navali congiunte Seul-Usa: Pyongyang ha lanciato nuove minacce, promettendo una &ldquo;pioggia di fuoco&rdquo; se le manovre ci saranno, mentre nel Sud, ai funerali dei due <i>marines</i> sudcoreani morti nel cannoneggiamento di marted&igrave; scorso, i militari promettono che i caduti saranno &ldquo;vendicati&rdquo; con una forza &ldquo;mille volte superiore&rdquo;. La Corea del Nord ha poi espresso rammarico per la morte di civili nell'attacco all'isola di Yeonpyeong, accusando Seul di averli usati come &ldquo;scudi umani&rdquo;. Intanto, prosegue il lavoro delle diplomazie per scongiurare il precipitare della situazione. Contatti di alto livello si sono tenuti tra Cina, Giappone Stati Uniti e le due Coree.<BR><BR><b>Stati Uniti attentato sventato</b><BR>Sventato attentato in Oregon, negli Stati Uniti. Le forze di sicurezza hanno arrestato un diciannovenne di origini somale, pronto a far esplodere un&rsquo;autobomba durante la cerimonia di accensione di un albero di Natale nella citt&agrave; di Portland. L'uomo, che veniva controllato da tempo dalle forze di sicurezza, era entrato in contatto con alcuni esponenti di al Qaeda in Pakistan.<BR><BR><b>Iran: entrata in funzione centrale nucleare</b><BR>La centrale nucleare iraniana di Bushehr &egrave; entrata in funzione: lo ha annunciato capo dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana, Ali Akbar Salehi. La centrale di Bushehr costituisce il cuore del controverso programma nucleare iraniano, che i Paesi occidentali ritengono nasconda un programma segreto di armamento nucleare. Parole allarmanti arrivano dal capo di Stato maggiore interforze statunitense, Mike Mullen, secondo il quale l&rsquo;Iran &egrave; sulla via di procurarsi armi atomiche.<BR><BR><b>Wikileaks</b><BR>Sono diversi i governi in allarme per il previsto rilascio da parte del sito Wikileaks di documenti diplomatici confidenziali del Dipartimento di Stato Usa. In vista dell'imminente pubblicazione, l&rsquo;esecutivo britannico ha chiesto agli editori di informare se intendono pubblicare file dal contenuto sensibile. Preoccupato anche il capo della diplomazia italiana, Franco Frattini, che parla di &quot;strategia per colpire il Paese&quot;. E il previsto rilascio di nuovi documenti &egrave; stato al centro del colloquio telefonico tra segretario di stato Usa, Hillary Clinton, e il suo omologo cinese Yang Jiechi. Anche l&rsquo;india risulta tra i Paesi allertati dagli Stati Uniti. Il Dipartimento di Stato Usa ha inoltre definito &ldquo;irresponsabile&rdquo; il comportamento di Wikileaks che con la pubblicazione di messaggi diplomatici riservati &ldquo;mette vite in pericolo&rdquo;. Durissimo anche l'ammiraglio Mike Mullen, capo degli Stati maggiori riuniti americani, che ha definito le azioni intraprese da Wikileaks &quot;estremamente pericolose&quot;.<BR><BR><b>Medio Oriente</b><BR>Nuove tensioni nelle aree di confine tra le Stato di Israele e la Striscia di Gaza. Un dodicenne palestinese &egrave; stato ferito dai colpi di arma da fuoco sparati da soldati israeliani. Intanto, continua a far discutere la proposta avanzata dalla Casa Bianca che prevede garanzie sulla sicurezza d&rsquo;Israele in cambio di un nuovo blocco edilizio di tre mesi nelle colonie in Cisgiordania. <b>Eliana Astorri</b> ne ha parlato con <b>Lorenzo Cremonesi</b>, inviato del Corriere della Sera ed esperto di Medio Oriente:<u><a href="http://www.archivioradiovaticana.va/storico/it1/2010/11/files/audiomp3/00237241.mp3"><img src='images/au.gif' border=0></a> </u><BR><BR><i>R. &ndash; La situazione &egrave; bloccata. Da parte dell&rsquo;amministrazione americana, c&rsquo;&egrave; questa richiesta pressante che Israele blocchi assolutamente le colonie nei Territori occupati dove, teoricamente, dovrebbe nascere il futuro Stato palestinese. La situazione non &egrave; facilitata dal governo Netanyahu, che ha delle frange estremamente vicine ai gruppi dei coloni. In queste frange, la pressione perch&eacute; le colonie crescano &egrave; particolarmente forte. Da settembre ad oggi, le colonie hanno ripreso a crescere specialmente nella zona di Gerusalemme. Ci sono delle differenze di anni-luce tra la visione di Washington e la visione dell&rsquo;attuale governo in Israele. Per questo, attualmente non vedo un grande spazio per un compromesso.</i><BR><BR><i>D. &ndash; A proposito dei Territori, il referendum per il ritiro di Israele dalle zone occupate &egrave; un ostacolo ulteriore al processo di pace?<BR></i><BR><i>R. &ndash; Questo naturalmente cambia molto le cose, perch&eacute; il referendum dovrebbe essere attuato in caso di restituzione di Gerusalemme Est e delle alture del Golan, quindi con eventuali accordi di pace con la Siria. Se ci fossero delle vere prospettive, e se davvero ci fossero delle garanzie, il pubblico potrebbe cambiare. Davanti ad una classe politica, a un governo oggi particolarmente nazionalistico, paradossalmente l&rsquo;opinione pubblica dello Stato ebraico potrebbe andare pi&ugrave; a sinistra del suo governo. Un referendum, quindi, potrebbe davvero spingere il governo a compiere dei passi che il governo stesso non vorrebbe fare.</i><BR><BR><i>D. &ndash; Circa le elezioni di domani in Egitto, il risultato &egrave; gi&agrave; scontato?</i><BR><BR><i>R. &ndash; Secondo i maggiori commentatori, &egrave; scontato. Vengono dati per scontata una partecipazione molto bassa e una maggioranza schiacciante del partito di Mubarak. Ma si prevede anche un elemento nuovo: la crescita politica del figlio di Hosni Mubarak, cio&egrave; Gamal, che potrebbe presentarsi come futuro candidato l&rsquo;anno prossimo, quando dovr&agrave; essere scelto il nuovo presidente. (bf)<BR></i><BR><b>Russia riconosce strage di Katyn</b><BR>Sorprendenti rivelazioni della Duma, il parlamento russo. L&rsquo;assemblea ieri ha approvato una dichiarazione di principio in cui si riconosce che la strage degli ufficiali polacchi, avvenuta nel 1940 a Katyn, fu ad opera dell&rsquo;Armata rossa su ordine di Stalin.<BR><BR><b>Moldavia elezioni</b><BR>Elezioni parlamentari domani in Moldavia. La tornata elettorale &ndash; la terza in oltre un anno &ndash; dovrebbe mettere fine alla crisi che da mesi vede schierati e contrapposti il blocco filorusso e quello filoeuropeo. Oltre 200 rappresentanti dell&rsquo;Osce, l&rsquo;Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa seguiranno le elezioni.<BR><BR><b>Catalogna elezioni</b><BR>Catalogna alle urne domani per rinnovare l&rsquo;assemblea regionale. I sondaggi danno in calo i tre partiti di centrosinistra che hanno governato la regione dal 2003. E&rsquo; alto infatti il malcontento per un&rsquo;economia catalana, che esce indebolita dai sette anni di tripartito, superata per la prima volta al primo posto in Spagna, nel 2009, dalla regione di Madrid. Per il partito socialista del premier spagnolo, Zapatero, si preannuncia quindi una sconfitta che potrebbe avere ripercussioni anche a livello nazionale. Per Zapatero, il voto sar&agrave; un test importante che aprir&agrave; la grande corsa verso le politiche del marzo 2012.<BR><BR><b>Costa d&rsquo;Avorio elezioni</b><BR>Il presidente della Repubblica della Costa d'Avorio, Laurent Gbagbo, ha decretato il coprifuoco al termine del secondo turno delle elezioni presidenziali di domenica prossima, sottolineando che si tratta di una &ldquo;misura dissuasiva contro qualche estremista&rdquo;. La decisione del capo di Stato &egrave; stata contestata dal suo antagonista al ballottaggio, l'ex primo ministro, Alassane Dramane Ouattara. Intanto, &egrave; morto un simpatizzante di Gbagbo, dopo essere stato aggredito da un militante dell'opposizione: una certa tensione accompagna queste elezioni presidenziali, che maturano dopo anni di inspiegabili rinvii. (<b><i>Panoramica internazionale a cura di Marco Guerra</i></b>)<BR><BR><b><i>Bollettino del Radiogiornale della Radio Vaticana Anno LIV no. 331</i></b><BR><BR><b><i>E' possibile ricevere gratuitamente, via posta elettronica, l'edizione quotidiana del Bollettino del Radiogiornale. La richiesta pu&ograve; essere effettuata sulla home page del sito www.radiovaticana.org/italiano.</i></b><BR><br/></p> <div id="vaisopra"><a href="#sopra"><img src="images/top.gif" border="0" alt="inizio pagina" /></a></div> <div id="footer"><a href="/italiano" target="_blank"><img src="images/footer_rv.gif" alt="www.radiovaticana.org" border="0" align="right" /></a><p class="copy">&copy; Radio Vaticana 2010 - tutti i diritti riservati</p></div> </div> </body> </html>